Commentari · immagini

Il neutrino dal CERN al Gran Sasso è passato da Torriglia


tunnel cern-gran sassoIn questi giorni si parla molto di un esperimento congiunto del CERN di Ginevra e dell’acceleratore di particelle (Opera) del Gran Sasso. In pratica è stato “sparato” un fascio di neutrini da un laboratorio al’altro e si è misurato la velocità, che è risultata superiore a quella della luce.
Da notare che il fascio di neutrini sono passati esattamente sotto il comune di Torriglia (sulla cartina i puntini grigi delimitano il comune, il puntino nero è il centro di Torriglia), a una profondità di meno di 10 km.
Prima di essere sicuri della misurazione, gli scienziati dovrebbero accertarsi di non essere in presenza di fenomeni di disturbo che potrebbero aver accelerato le particelle. Ci sarebbe l’oggetto alieno misterioso di Pier Fortunato Zanfretta, sito appunto in Torriglia, oppure certi esperimenti del Laboratorio Kipple e della nostra NeoRepubblica.
Premesso che non ho trovato in nessun articolo di questi giorni la velocità esatta della luce e nemmeno quella dei neutrini, ma solo inesattezze, faccio i complimenti (ironici) soprattutto ai divulgatori scientifici.
Comunque se i neutrini hanno preceduto la luce di 60 nanosecondi, e prendendo per buoni i dati (imprecisi) sulla distanza dei due laboratori (732 km) si può fare una stima.
La velocità dei fotoni (la luce) nel vuoto è di circa 299972,5 km/s (è minore se passa attraverso la materia, ma questo va a tutto vantaggio dei neutrini che sono passati attraverso la roccia). Quindi quella dei neutrini dovrebbe essere di 299980 km/s, circa 7,5 km/s più veloce della luce (e sempre meno dei 300000 km/s con cui tutti si riempono la bocca).
Un sorpasso che, al contrario di quanto gridi il carrozzone mediatico, non è una rivoluzione scientifica, ma una semplice scoperta. Scoperta che qualcosa (in questo caso i neutrini) viaggiano più velocemente dei fotoni. La Relatività di Einstein sosteneva che non si potesse superare la velocità massima (che allora si credeva quella dei fotoni e che ora è quella dei neutrini). La Relatività rimarrà valida per sempre come per sempre valida è la meccanica classica di Newton: non è che la mela che cade dall’albero ritorna su! Solo che queste teorie sono valide per il 99,9% dei casi, ed è la Meccanica quantistica a sopperire a quei rari casi che le teorie precedenti non spiegano.

3 pensieri riguardo “Il neutrino dal CERN al Gran Sasso è passato da Torriglia

  1. Sempre su questa notizia, cito il Corriere.it: i neutrini sono “le particelle più piccole” [no, per il momento sono i quark], “hanno superato i 300.000 chilometri al secondo” [che non è esattamente vero come dimostrato nel post], e “ci hanno messo 60 nanosecondi (60 milionesimi di secondo)”, [sono 60 miliardesimi, altrimenti sarebbero microsecondi]. Ben tre errori in una ventina di righe.

    1. Per completezza d’informazione, il CERN ha dichiarato che l’esperimento tanto chiacchierato difettava di un errore strumentale. Vero che si lavora con grandezze ultramicroscopiche, ma un errore così ovvio e già paventato da alcuni commentatori scientifici sembra possa nascondere la sete di notizie e la conseguente “pubblicità”. Uno dei due, o la pubblicità o l’incompetenza (non tanto per l’errore in se stesso, ma per aver diramato un risultato che poteva essere rivoluzionario senza dovuta verifica)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.