Arabia Saudita: più che primavera araba, è tardo inverno


Nelle ultime settimane Re Abdullah ha aperto l’università di Jeddah anche alle donne e nominato una saudita viceministro per l’istruzione femminile, ha distribuito incentivi in denaro ai giovani e il 25 settembre ha concesso il diritto di voto alle donne.
Un fatto che è stato visto dai mesia quasi come una rivoluzione.
Ma analizziamo meglio la situazione: in realtà il diritto di voto diventerà effettivo soltanto tra quattro anni, nel 2015, e quindi non in occasione delle elezioni precedenti a quella data (ce n’è stata una il 29 settembre).
Inoltre per il momento le donne ancora non possono guidare né fare la patente in Arabia Saudita.
La patente di guida è un chiaro elemento di libertà personale.
Nonostante ciò 45000 donne saudite hanno ottenuto la patente all’estero e il 40% delle automobili sono acquistate da donne.
Ma la donna alla guida è ancora vietata e molti consigliano di picchiare le donne che si mettono alla guida, come dimostra la condanna inflitta da un tribunale saudita a Shema, colpevole di essere stata colta in flagrante mentre guidava l’automobile nella città di Jeddah (tramite video su Youtube).
Siamo lontani anni luce dalla democrazia, ma speriamo che a un piccolo passo possa succedere un passo più grande, anche se siamo abbastanza pessimisti, visto il tipo di mentalità sociale e la mancanza di laicità dello Stato in questo “fedele alleato degli USA”. E, allora, quando conviene, la democrazia non si esporta più.

Articolo successivo
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: