Rinasce il principato di Cerveteri?


Dopo il caso di Filettino, l’antica capitale etrusca di Cerveteri riporta alla luce una bolla papale che vanterebbe lo status di principato perpetuo. La lettura del documento si è tenuta in chiesa nella piazza Santa Maria del paese, prima della messa vespertina.
A scovare il documento un cultore di storia locale, Ugo Ricci, che ha riportato alla luce dagli archivi vaticani una bolla del 1709, mai revocata, con cui Clemente XI che elevava a “principato perpetuo in riconoscimento del valoroso contributo dato dai cittadini in difesa di Santa Romana Chiesa” il marchesato di Cerveteri, allora nelle mani di Francesco Maria Marescotti Ruspoli. Un premio del pontefice proprio per ringraziare il principe di aver creato a proprie spese, nel 1708, un piccole esercito di mille uomini – il reggimento Ruspoli – con il quale nel gennaio 1709 respinse gli austriaci a Ferrara.

Lascia un commento

2 commenti

  1. Maciknight

     /  4 aprile 2012

    Questa tipologia di notizie storiche con risvolti di attualità sono sempre affascinanti, soprattutto perché valorizzano i ricercatori locali e quindi l’impegno autodidatta e l’autonomia delle comunità locali, fornendo al territorio notevoli potenzialità, in questo caso turistico culturali, se sapranno sfruttare l’opportunità. Perché secondo me è solo a questi fini che dovranno dedicarsi e limitarsi, cioé sfruttare la scoperta per incentivare il turismo culturale, non certo ai fini politici autonomisti, non essendoci alcuna possibilità di successo, come per il Principato di Seborga che al contrario vanta il fatto di non essere stato elencati tra i territori incorparati (annessi) dai Savoia. In questo recente caso si potrebbe solo vantare il diritto di utilizzare la titolazione ai fini storici e turistici, non autonomistici, avendo lo stato della Chiesa perso i suoi territori, limitati di fatto alla Città del Vaticano

    Rispondi
    • Sono perfettamente d’accordo con te. Quel documento non vale nemmeno formalmente, visto che lo Stato della Chiesa è stato destituito nel 1870.

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: