Che due maro’!


Questo articolo non vuole offendere nessuno e non vuole entrare nel merito delle responsabilità del fatto, ma è una critica a come i media italiani trattano l’avvenimento.
Stiamo parlando della detenzione in India dei due marinai militari italiani (detti marò) Massimiliano Latorre e Salvatore Girone a seguito dell’uccisione di due pescatori creduti pirati.
Siamo convinti, insieme con le autorità italiane, che il fatto, in quanto avvenuto in acque internazionali, sia di competenza della nazionalità dei responsabili, quindi l’Italia. L’India risponde che per i terroristi non vale questa norma, ma è appurato che i due marò non sono terroristi.
Detto questo, bisogna tener presente che sono morti due pescatori innocenti, padri di due famiglie, già povere, che oggi non hanno più un introito e che per loro sarà difficile andare avanti. Sembra che i media italiani accusino l’India di detenzione indebita dei due militari, cito testualmente il TG5 (ma potrei citare altri telegiornali) “i due marò non sono ancora liberi”. Questo la dice lunga sulla serietà delle intenzioni della giustizia militare italiana, se il caso fosse portato in Italia: ho paura che, come spesso succede con i militari, siano assolti, o siano riconosciuti colpevoli ma lasciati liberi su cauzione o con la pena di un’ammenda.
E qui sta il punto: non è che essendo in acque internazionali, allora sono innocenti: hanno ammazzato due pescatori, credendoli pirati? Omicidio. Sarebbe “colposo” se non volevano uccidere. Ma loro volevano uccidere, ma hanno sbagliato le persone. Qui sta l’attenuante, ma l’errore l’hanno fatto, e va pagato. Per il momento sono in India, in un carcere sopra la media quanto a condizioni e, a parte la questione della territorialità, non vedo che cosa debbano recriminare, se non avere il diritto di un processo equo.

Articolo precedente
Lascia un commento

23 commenti

  1. Questa storia sta diventando una barzelletta, purtroppo. Oggi 21 marzo la Farnesina decide che i marò torneranno in India, rassicurati sul fatto che non riceveranno la pena capitale. Ci vorrebbe qualche lezione di diplomazia internazionale per il Ministero degli Esteri italiano per evitare quella che in termine tecnico definirei una “gran figura di merda”.
    La scommessa è vinta comunque, perché vale l’intenzione, cioè quella di non rispettare gli accordi, poi che se la siano fatta sotto (la storia della pena capitale è un alibi, perché era già fuori dalle ipotesi), è solo un’aggravante, ben inteso. Non vorrei essere nei panni dei due marò.

    Rispondi
  2. Oggi, 11 marzo 2013 finalmente ho vinto la scommessa (vedere mio commento precedente), i marò non torneranno più in India, altra analisi politica internazionale esatta. Vedremo ora se la Giustizia continuerà il suo corso o finirà tutto a tarallucci e vino, come fecero gli americana con il caso Cermis (due avieri usa tranciarono il cavo della funivia uccidendo tutti gli occupanti della cabina).

    Rispondi
  3. Ok, i marò saranno in Italia per Natale, credete che li facciano tornare in India?
    Facciamo una scommessa: io dico di no. Gli faranno un processo in Italia? Forse sì, Li condanneranno? Forse sì. A cosa? Ergastolo? ahahah. 30 anni? ahahha. 5 anni? ahahah.L’espulsione dal corpo? nemmeno. Allora? non so, una ramanzina? un pena pecuniaria? Poi se andate in India e vi guardano male sapete chi ringraziare. Le persone che i cittadini italiani pagano per pattugliare i mari delle rotte commerciali per venderci la roba una volta arrivata (e questo dovrebbe far riflettere i “nazionalisti” che difendono coloro che garantiscono l’importazione anche delle cineserie che stanno distruggendo il mercato italiano) e che sparano per sbaglio a chiunque possa a loro sembrare un pirata. Insomma, ma dobbiamo verament difendere queste navi dai pirati? Con i nostri soldi?

    Rispondi
    • obligatorio

       /  24 dicembre 2012

      che mondo e che paese guarda te se questi due pezzi d merda di mro devo tornare come rockstar in italia mangiare panettone per le feste e lo sann tutti che in india non tornerranno piu anche se hanno ucciso 2 pescatori,,,,che schifo e dovrei essere orgoglioso di essere italiano,,,giammai,,,,

      Rispondi
  4. obbligatorio

     /  14 ottobre 2012

    bene 2 cose non sono pacifista per nulla e secondo gli insulti ovviamente vengono dai militaristi che fanno tutto con la prepotenza ignoranza e lo sfotto italiano.

    Rispondi
  5. obbligatorio

     /  14 ottobre 2012

    io non mi vergogno assai ci sono mille lavori che si possono fare non l aguzzino a pagamento perche tengo famiglia guarda caso i militari sono quasi tutti ignoranti del sud o fascisti leghisti invasati del nord,,non difendono la patria vanno la per i soldi perche hanno sete di fare sesso avere soldi e umiliari i piu sfigati poi la patria a me non interessa un paese creato a botte e sangue,,forse dovresti vergognarti un po tu jhon avvolto nella feccia tricolore

    Rispondi
    • Ok, immagino che ora risponda uno della fazione dei militari. Se non ci sono insulti, a me va bene. In fondo se questo spazio diventasse il teatro di scontri verbali tra militari e pacifisti (e sarebbe ancora meglio tra celerini e anarchici!) sarebbe già un successo, invece di manganellare teste a caso e spaccare vetrine a caso. Nel senso: teste e vetrine vanno scelte con cura… 🙂

      Rispondi
  6. condor

     /  10 ottobre 2012

    Concordo John, dopo aver letto quello che affermano non può essere altrimenti.. e non meritano altri commenti, perche sprecare sapone !!

    Rispondi
  7. Hai proprio una bella “testa” a senso unico caro OBBLIGATORIO! Ti basta vedere una divisa e pafff! Tutti colpevoli sti’ militari. Questi due signori (in galera in India) erano la’ per difendere trasporti Italiani in navigazione. Su mandato internazionale. Che cazzo ci facevano i due “presunti poveri pescatori” in avvicinamento alla nave? E’ stato poi appurato che siano stati proprio loro (i Marò) a sparare ai presunti pescatori? (c’era anche un’altra nave che subito ha tagliato la corda…). Dire che i due Marò son terroristi mi autorizza a dire che ti devi VERGOGNARE UN SACCO, testa di cazzo! O sei uno di quelli che ha scritto “10, 100, 1000 Nassiriya” Eh? Coglione!

    Rispondi
    • Grazie del messaggio, John.
      Solo che parole come “coglione” e “testa di cazzo” indicano il livello di rispetto della persona che le usa, quindi era meglio se te li tenevi per te.
      Sarà il tribunale a decidere se hanno sparato i militari, se gli altri erano pirati travestiti da pescatori, o se si sono suicidati mentre le pallottole uscivano da sole dalle armi dei marò, solo cerchiamo di non insultare, ok?
      Infine ricordiamo che da un lato spesso i militari sono essenziali, dall’altro sono uno spreco pagato dai soldi pubblici italiani.

      Rispondi
  8. obbligatorio

     /  30 settembre 2012

    comunque condor e patetito il tuo commento due servitori della patria..mache patria creata con il sangue altrui,,,,,,

    Rispondi
  9. obbligatorio

     /  30 settembre 2012

    parto dalla radice perhe vanno li cosa vanno a fare e ho i miei terribili dubbi che non si divertano a giocare a tiro a segno visto l intelletto dei vari carabinieri polizia militari guardie guirate e tutti i vari village people che usano la divisa per appagare le loro frustazioni.si sono antimilitarasta ma sopratutto sono pro cervello da usare e sono contro ogni azione che eserciti potere..si non ero sulla nave ma e saputo che i militari devono fare passare il tempo sparando stuprando rubando o quello che sia…..

    Rispondi
    • Ok, adesso ho capito almeno da che parte stai. Credo però che non sia necessario essere antimilitarista: se ci pensate i militari vengono pagati con le tasse, quindi in parte anche da me, come potrei essere antimilitarista se li pago? Credo che se facciano bene il loro lavoro si guadagnino lo stipendio adeguato al rischio che corrono (che sono entrambi alti). Purtroppo altre volte non è così. Credo inoltre che un militare sia eroico e patriota non più di un postino, il cui lavoro è egualmente fondamentale, come la maggior parte dei lavori. Ma se il mio postino mi pesta perché crede che gli voglia rubare la posta, io lo denuncio. 🙂

      Rispondi
  10. obbligatorio

     /  29 settembre 2012

    i due maro ono terroristi osa ci fanno la perche sono la enon mi venite con le stesse storie di sempre italia l esercito che non mi sento italiano come di nessuna altra patria fatta e creata con il sangue…..nassirya insegna

    Rispondi
  11. condor

     /  24 settembre 2012

    Ma quanta ipocrisia !! ma cosa significa dire che non si vuole offendere nessuno…che non si vuole entrare nelle responsabilità di fatto..e bla!..bla!!blaaaa!!! per poi affermare “hanno ammazzato due pescatori” e poi la condanna “omicidio” che tristezza !!
    Vorrei ricordare che non esiste una sola prova a carico dei due fucilieri del San Marco, non corrisponde la posizione dell’unità, non corrispondono gli orari, il capitano del peschereccio ha fornito 4 versioni differenti, la traiettoria dei proiettili sulla barca dei pescatori mostra un traiettoria quasi orizzontale (una addirittura dal basso verso l’alto) quando i due Marò erano in plancia, ovvero 40 mt di altezza..o vuole dirmi che erano in mare con pinne e fucile e ci sono molti dubbi sul calibro dei proiettili, ecc…….Chi scrive l’articolo non sa assolutamente nulla, o moto poco, di questa vicenda incredibile.
    Si informi prima, e se si sente antimilitarista a prescindere lo dica chiaramente invece di condannare, senza processo, due servitori dello Stato, due famiglie, un glorioso Reggimento e L’Italia. SAN MARCO !!!!!

    Rispondi
    • Oh, finalmente qualcuno che era sulla nave e sa tutto! Lascio il suo commento, precisando una volta per tutte che io non condanno nessuno, ma, come detto all’inizio dell’articolo, critico i media. Io ho solo collegato il gesto per ora ipotetico dell’uccidere con la sua condanna, non ho sentenziato sui marò. Detto questo viva pure San Marco e viva la repubblica d’India, per me non c’è problema, sono molto tranne che ipocrita.

      Rispondi
  12. A titolo di cronaca i pescherecci indiani erano stati avvisati dalle autorità locali di non avvicinarsi alle navi in transito, in quel pezzo di mare, perchè potevano essere esposti alla reazione del personale armato di bordo. Se qualcuno, nel suo falso buonismo, dice che i pescatori devono pure campare pescando, rispondo che se non ci pensano i loro governanti a estirpare questa piaga della pirateria e proteggere i loro pescherecci è ovvio che possono incorrere in incidenti di questo tipo, sempre che erano in buona fede. Comunque sia, anche se fosse vero che a sparare siano stati gli italiani è omicidio colposo e non premeditato, non credo che i marò si siano divertiti al tiro a segno!!!. P.S. Comportamento del Governo italiano indegno e del governo Indiano banditesco.

    Rispondi
    • Questo è l’unico commento serio e imparziale fino a questo momento, grazie. Sono sicuro che fossero in buona fede, ma due persone sono morte, bisognerà indagare, e non semplicemente aspettare che i marò siano finalmente liberi. E non è un discorso antimilitarista.

      Rispondi
  13. Io invece vi pongo una domanda: ” ma avete fatto voi delle indagini dichiarandoli colpevoli? Eravate voi con loro in acque internazionali per sostenere che erano veramente pescatori? Io farei molta attenzione ad entrare nei particolari visto che non ero con loro. Non siamo noi che dobbiamo dare un giudizio ma possiamo difendere e dare forza alla nostra patria visto che siamo proprio noi che la indeboliamo con certe esternazioni fuori luogo. Grazie

    Rispondi
    • domanda roterica e faziosa, ma rispondo lo stesso. No, non ero sulla nave, come te e 50 milioni di italiani, come non erano sulla nave i giudici indiani che li giudicano ed eventualmente i magistrati italiani che li giudicheranno. Quindi? Di solito si cercano prove e testimonianze. Non mi pareva che si contestasse ancora l’identità delle vittime, ma potrei sbagliarmi. In ogni caso, quello che mi auguro è che ci fossero due processi paralleli, uno in Italia e uno in India, che arrivino alla stessa conclusione, solo così i magistrati di ogni Paese dimostreranno la loro imparzialità.

      Rispondi
  14. obbligatorio

     /  23 settembre 2012

    ma certo che i due maro sono terroristi….i due maro sono terroristi .

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: