Freetown Christiania


Dossier Micronazioni XVI.
Freetown Christiania, nota anche come Città Libera di Christiania (in danese: Fristaden Christiania) è un auto-proclamato quartiere autonomo di circa 850 abitanti, che copre 34 ettari nel distretto di Christianshavn nella capitale danese Copenaghen. L’area ha un ruolo unico in quanto è regolata da una legge speciale, la legge Christiania del 1989 che trasferisce parte della sorveglianza del territorio da parte del comune di Copenaghen allo stato.

Bandiera di Christiania

Bandiera di Christiania


La zona di Christiania è costituita dalla ex caserma militare di Bådsmandsstræde e parti delle mura della città. Le mura e il borgo di Christianshavn sono stati istituiti nel 1617 dal re Christian IV, bonificando le spiagge basse e gli isolotti tra Copenaghen e Amager. Le baracche sono state abbandonate dai militari dal 1967 al 1971.
Successivamente, la zona è stata pattugliata solo da un paio di guardie e cominciò l’occupazione sporadica da parte di persone senza fissa dimora che utilizzarono gli edifici vuoti. Il 4 settembre 1971, gli abitanti del quartiere hanno sfondato la recinzione per utilizzare la zona come parco giochi per i loro figli.
Anche se l’acquisizioneall’inizio non fu organizzata, alcuni sostengono che sia stato fatto in segno di protesta contro il governo danese, per la carenza di alloggi a prezzi accessibili a Copenhagen.
Il 26 settembre 1971, Christiania è stata dichiarata aperta da Jacob Ludvigsen, un noto Provo e giornalista che ha pubblicato una rivista chiamata Hovedbladet (‘La carta principale’), che ha avuto molto successo tra i giovani. Nel documento, Ludvigsen ha annunciato la proclamazione del libero comune. Ludvigsen, tra gli altri, ha creato la missione di Christiania con l’obiettivo di creare una società autonoma in cui ogni singolo individuo sia responsabile del benessere di tutta la comunità. Lo spirito di Christiania si sviluppa rapidamente insieme con quello del movimento hippie, squatter, del collettivismo e dell’anarchismo.
Del 1976 canzone di protesta I kan ikke SLA os ihjel (tradotto: “Non ci può uccidere”), scritto da Tom Lunden del flower power gruppo rock Bifrost, divenne l’inno di Christiania.
Christiania diventa una delle attrazioni turistiche di Copenaghen, e all’estero è considerato un “marchio” per lo stile di vita libertario danese.
Tra gli abitanti di Copenaghen molti sono i beneficiari delle prestazioni sociali, tra cui pensionati, immigrati e clienti di istituzioni sociali.
La gente di Christiania ha sviluppato le proprie regole, indipendentemente dal governo danese. Le norme vietano furto, violenza, pistole, coltelli, giubbotti antiproiettile e droghe pesanti.
Il commercio di hashish è controverso perché non tutti sono d’accordo. La legalizzazione della cannabis è una delle idee di molti cittadini in Christiania. La regione ha negoziato un accordo con il ministero della difesa danese (ancora proprietario del territorio). Inoltre, dal 1994, i residenti hanno cominciato a pagare tasse e contributi per l’acqua, l’energia elettrica e lo smaltimento rifiuti.
Dal 1970 il Gay House (Bøssehuset), una delle istituzioni autonome di Christiania, è stato un centro di attivismo gay.
Fin dal 1971, il traffico di droga aperta di Christiania erano una spina nel fianco delle autorità danesi, una fonte costante di discussione pubblica, e ha portato a proteste dai Paesi vicini.
Intorno al 1984 una gang di motociclisti chiamato Bullshit s’instaura a Christiania e prende il controllo di una parte del mercato della cannabis. La violenza nel quartiere aumenta e i residenti sono molti risentiti, portando ad atti di sabotaggio nei confronti dei bikers. Questa tensione è culminata quando la polizia ha rinvenuto un cadavere, che era stato tagliato a pezzi e sepolto sotto il pavimento di un edificio. Christiania ha reagito con due epocali raduni, nei quali è stato deciso che i bikers dovevano lasciare l’area.

Nel 2002, il governo ha pensato di rendere meno visibile il commercio di cannabis. In risposta, i venditori di cannabis hanno ironicamente coperto i loro stand con reti mimetiche militari. Il 4 gennaio 2004, sapendo che il giorno dopo ci sarebbe stata un’operazione di massa della polizia, le tribune sono state demolite dai rivenditori di cannabis.
Il 16 marzo 2004, la polizia fa nuovamente irruzione nella zona, ma molti commercianti hanno iniziato a muovere enormi quantità di cannabis fuori da Copenaghen e il resto del Paese. La polizia ha fatto più di venti arresti nelle settimane successive, e gran parte della rete di vendita organizzata di spacciatori è stata successivamente eliminata. Prima della distruzione, il museo nazionale di Danimarca è riuscito a ottenere uno degli stand più colorati, che ora fa parte di una mostra.
Comunque, oggi il commercio di cannabis è successivamente tornato a come era prima delle incursioni.

Il 24 aprile 2005, di 26 anni, un residente di Christiania è stato ucciso e altri tre feriti in un agguato di una banda di spacciatori. Questo perché Christiania è stato un feudo sul mercato della cannabis di Copenhagen. Christiania faceva gola agli ambienti criminali. I responsabili erano una banda di Nørrebro, un quartiere nord-occidentale della città e un membro della banda si era infiltrato.
Alcuni hanno considerato questo incidente come un segno che la futura sopravvivenza della comunità era a rischio, altri hanno accusto la frammentazione del mercato della cannabis di Copenaghen e la sua espansione verso il resto della città, causate dalle misure del governo Anders Fogh Rasmussen.

Il 14 maggio 2007, la polizia forestale è entrato a Christiania per demolire i resti del piccolo edificio abbandonato di Cigarkassen (‘la scatola di sigari’). Gli abitanti di Christiania, temendo che la polizia avesse l’intenzione di demolire altri edifici, hanno costruito barricate in strada, facendo resistenza alla polizia, lanciando pietre e fuochi d’artificio. La polizia ha usato gas lacrimogeni e sono stati fatti una serie di arresti. Un attivista ha versato un secchio di urina e feci sul comandante della polizia. Dopo diversi tentativi falliti di prendere d’assalto le barricate, la polizia si è ritirata e, infine, ha rinunciato. In tutto, oltre 50 attivisti provenienti sia Christiania che all’esterno sono stati arrestati.

All’interno di Christiania stessa auto private non sono ammesse. Tuttavia, un totale di 132 vetture sono di proprietà di residenti e devono essere parcheggiate sulle strade che circondano Christiania. Dopo aver negoziato con le autorità cittadine, a partire dal 2005, è stato istituito un parcheggio per sole 14 vetture.
A partire dal 2008 Christiania ha istituito un posto di blocco-robot all’ingresso per impedire ai clienti di cannabis e ad altri visitatori di entrare a Christiania in auto.

Città Libera di Christiania

Città Libera di Christiania


Rileggi dalla Parte I.
Vai alla Parte XVII.

Annunci
Lascia un commento

1 Commento

  1. Republic of Molossia « NeoRepubblica Kaotica di Torriglia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: