TRACCE SONORE: Yello – One Second


One+Second

Yello – One Second

Gli Yello, combo svizzero prima trio poi diventato duo, hanno sempre avuto un approccio trasversale alla musica. Synth pop infarcito di disco music: cyber punk addolcito da elettronica minimale: afro beat con sferzate industrial.
In One Second, loro quinto LP del 1987, le tracce passano con estrema disinvoltura da un’atmosfera dark a un infernale ritmo afro sporcato da incursioni vocali in stile soul funky, ad alcuni strumentali assolutamente noir per terminare con una cavalcata cyber punk.
Il duo, aiutato da un manipolo di ospiti di tutto rispetto ( Shirley Bassey e Billy MacKanzie su tutti) snocciola una seria di brani uno più coinvolgente dell’altro lasciando senza respiro l’ascoltatore invaso da questi suoni sempre pieni, grossi, tempestosi ma liquidi allo stesso tempo infarciti da cori, urla minacciose e arrangiamenti strumentali quasi sinfonici.

Si parte alla grande con un ballabile a tutta birra per passare a un brano che sembra uscito da una colonna sonora di un film di spionaggio anni ’70, infarcito però di suoni arabeggianti. Le voci femminili aiutano a creare un groove intrigante.
L’apice di questa vocalità è il brano The Rhythm Divine cantato in maniera davvero divina da un’immensa Shirley Bassey, con un’interpretazione calda e avvolgente sorretta da un arrangiamento retrò che calza a pennello sulla voce della Bassey.

Gli strumentali sono altrettante galoppate in territori synth pop anneriti da suoni dark con il basso assassino che sferza bordate micidiali.
Non c’è tregua fra un brano e l’altro, anche i più tranquilli suonano ed emanano tensione.

Quando tutto sembra placarsi arriva, in coda, il colpo di teatro.
Si Senor The Hairy Grill è un terremoto. Cyber punk allo stato puro con una chitarra torrenziale tiratissima doppiata da un urlo primordiale e con una batteria mitraglia che enfatizza tutto il brano. Si entra in un vortice sonoro intenso, maestoso, cupo.
Il riff iniziale apre a un cantato sussurrato contrapposto allo strumentale in primo piano. Un passaggio di organo fa da intro al ritornello suonato con furia tribale. La chitarra continua imperterrita fra riff industrial e assolo tagliente. L’atmosfera rimane sospesa, inerte, poi di nuovo la batteria metronomo arricchita da un coro e dalla infernale chitarra ci accompagna al culmine del brano.
Senza fiato.

Il disco vale l’acquisto, si trova a due soldi, solo per il finalone travolgente.
Su vinile non si riesce, ma se acquistate l’edizione CD e impostate il lettore nella modalità repeat sull’ultimo brano non ve ne pentirete.
Sempre obbligatoriamente a volume super sostenuto.
Buon ascolto.

massimo ODRZ

Annunci
Articolo precedente
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: