• FAN su Facebook

  • Seguici su Twitter

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Unisciti ad altri 777 follower

  • Archivi

  • Nazione Oscura Caotica

    Afghanistan Africa al qaeda ambasciata Arabia Saudita arte attentati attentato Barack Obama Bashar al Assad Belgio boko haram Brasile Cina colpo di stato Corea del Nord Corea del Sud Coronavirus Covid-19 curdi Donald Trump Egitto elezioni europa fantascienza flush.art francia francobolli gazzetta ufficiale di trantor Germania giappone Grecia guerra guerra civile Guerra fredda Happy new eon India indipendenza Iran Iraq IS Isis Israele italia jihad Kim Jong Un kipple officina libraria krell libia Livorno Lukha B. Kremo mail4freedom Mail4Freedom Begins mail art micronazione micronazioni Milano Mosca musica nato nazione oscura caotica neorepubblica di torriglia Nicolás Maduro nigeria odrz onu Pakistan Palestina papa primavera araba proteste Pyongyang Recep Tayyip Erdogan referendum Regno Unito rivolte Russia sandro battisti Siria Spagna Stati Uniti strage talebani terrorismo terrorismo islamico torriglia tracce sonore Turchia Ucraina Ue Ungheria Unione Europea Usa VAticano Venezuela vittore baroni Vladimir Putin Washington WhereIsKremo Yemen
  • Avviso

    Controvoglia, siamo obbligati a seguire le illuminanti decisioni fatte in data 8 maggio 2014 dal garante per la protezione dei dati personali, per cui si avvisano gli sprovveduti lettori che questo sito si serve di cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto se malauguratamente proseguite con la navigazione siete avvisati: prestate automaticamente il consenso all’uso dei cookie anomimi. Qui potete trovare la gestione della privacy e dei cookie da parte di Automattic (la società che gestisce la piattaforma WordPress.com): Privacy Policy. Ma voi non vi fideretete del tutto, quindi vorrete leggervi la fantastica pagina con l'Informativa Estesa. A quel punto siete ancora in tempo: chiudete tutto e disdicete internet, perché evitare cookie anonimi come questi è praticamente impossibile e quindi questo avviso completamente inutile.

TAPAS CANARIAS: là, dove d’inverno riposa l’estate


Playa de Veneguera Gran Canaria

Playa de Veneguera Gran Canaria

Per il periodico appuntamento di Tapas Canarias parliamo di un barranco stretto, lungo e disabitato, senza strada asfaltata e nella migliore posizione possibile delle Canarie per quanto riguarda la stabilità climatica.
Come tutte le isole oceaniche, anche alle Canarie è importante la differenza tra costa sottovento e costa sopravento. Data la particolare circolazione dei venti alle Canarie, che varia da vento proveniente da nord (cicloni atlantici) e da est (venti sahariani), le coste più protette sono quelle di sudovest.
La prevalenza dei venti di nordest (a differenza della prevalenza dei venti occidentali che soffiano in Europa) è una particolarità nota già ai navigatori tardomedievali, tra cui Cristobal Colòn (come in Spagna chiamano Cristoforo Colombo), che partì proprio dalle Canarie per la vera traversata atlantica che lo portò alle Bahamas.
Questo fa sì che le coste sudoccidentali di ogni isola siano le meno esposte ai venti. Tra tutte le isole, le più meridionali (e quindi più calde) sono Hierro e Gran Canaria, e le più aride sono Fuerteventura, Lanzarote e Gran Canaria. Mentre quelle le cui montagne raggiungono altitudini maggiori (che quindi bloccano maggiormente i venti) sono Tenerife e Gran Canaria. Ne risulta che il tempo più stabile è nettamente a Gran Canaria e che il suo capoluogo Las Palmas sia conosciuto come “uno dei climi migliori al mondo”. Ma è al sudovest di Gran Canaria che si raggiunge l’apice di stabilità, con giornate belle praticamente tutto l’anno.
La costa in questione parte da Arguineguin, passando da Puerto Rico e Puerto Mogàn fino alle impenetrabili scogliere di sudovest. Ed è proprio qui che esistono due barranchi angusti e disabitati, raggiungibili solo con un buon fuoristrada, dove addirittura vengono coltivate le banane. Stiamo parlando dei Barranchi di Veneguera e di Tasarte.
Playa de Veneguera Gran Canaria

Playa de Veneguera Gran Canaria


Siamo stati in uno di questi barranchi (Veneguera), circa 15 chilometri di sterrato, di cui 1 sopra l’alveo del torrente (fondo sassoso di un fiume), 10 guadi (quasi sempre senz’acqua) e una spiaggia sassosa completamente disabitata e selvaggia, raggiungibile anche con una buona imbarcazione. A metà gennaio la temperatura diurna era di circa 30 gradi centigradi. Dato che appena fuori dal barranco ce n’erano circa 25, in altre zone dell’isola 20 e al nord 17, abbiamo avuto la netta impressione che fosse proprio il rifugio invernale dell’estate.
Barranco de Veneguera, Gran Canaria

Barranco de Veneguera, Gran Canaria


Para la cita periódica de Tapas Canarias hablamos de un barranco estrecho, largo y deshabitado, sin carretera asfaltada y en la mejor posición posible de las Islas Canarias relativas a la estabilidad climática.
Como todas las islas oceánicas, incluso Canarias, es importante la diferencia entre la costa de sotavento y barlovento costa. Dada la circulación del viento en particular en las Islas Canarias, que varía del viento del norte (ciclones del Atlántico) y el este (viento sahariano), las costas protegidas son las del suroeste.
La prevalencia de los vientos del noreste (a diferenzia de la prevalencia de vientos del oeste que soplan en Europa) es una característica que ya los marineros bajomedievales sabian, incluyendo Cristóbal Colón, que se había apartado de las Islas Canarias a poseer la travesía del Atlántico reales que lo llevó a las Bahamas.
Esto hace que la costa suroeste de cada isla son los menos expuestos a los vientos. De todas las islas, la más meridional (y caliente) son Hierro y Gran Canaria, y las más secas son Fuerteventura, Lanzarote y Gran Canaria. Mientras aquellas cuyas montañas alcanzar altitudes más altas (lo que bloquea más vientos) son Tenerife y Gran Canaria. El resultado es que el clima es mucho más estable en Gran Canaria: su capital, Las Palmas, es conocida como “una de las ciudad con el mejor clima del mundo.” Pero es al suroeste de Gran Canaria que se alcanzó el pináculo de la estabilidad, con hermosos días casi todo el año.
Los costes en cuestión se inicia desde Arguineguin, de Puerto Rico y Puerto de Mogán a los acantilados impenetrables del suroeste. Es aquí donde hay dos barrancos estrechos y deshabitado, accesible sólo con un buen todo terreno, donde se cultivan hasta los plátanos. Estamos hablando de los Barrancos de Veneguera y lo de Tasarte.
Playa de Veneguera Gran Canaria

Playa de Veneguera Gran Canaria


Estábamos en uno de estos barrancos (Veneguera), a unos 15 kilómetros de caminos de tierra, de los cuales uno por encima del cauce del arroyo (fondo pedregoso de un río), 10 vados (casi siempre sin agua) y una playa pedregosa, deshabitada y selvaje, accesible con un buen barco. A mediados de enero, la temperatura durante el día fue de aproximadamente 30 grados centígrados. Desde las afueras del barranco había alrededor de 25, y 20 en otras partes de la isla y 17 en el norte: tuvimos la impresión de que era sólo el retiro de invierno del verano.
Barranco de Veneguera Gran Canaria

Barranco de Veneguera Gran Canaria

Lascia un commento

1 Commento

  1. L’ha ribloggato su The Connective World.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: