Schiaffo dell’ONU a Israele e Usa. E Israele esce dell’UNESCO


L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha bocciato la decisione di Donald Trump di spostare l’ambasciata Usa da Tel Aviv a Gerusalemme, con l’implicito riconoscimento della Città Santa quale capita di Israele. Contro la risoluzione Usa che avevano esplicitamente minacciato di rappresaglia i Paesi che si sarebbero espressi contro di loro. Hanno votato contro in 128, 9 a favore e 35 si sono astenuti. “E’ una vittoria per la Palestina”, ha dichiarato un portavoce del presidente palestinese, Mahmoud Abbas.
Due giorni dopo, Israele ha annunciato che lascerà l’Unesco entro la fine del 2018 per i “sistematici attacchi” da parte dell’organizzazione delle Nazioni Unite contro lo Stato ebraico. Il portavoce del ministero degli Esteri, Emmanuel Nahshon, ha precisato che la decisione è stata presa per i “tentativi” dell’Unesco “di disconnettere la storia ebraica dalla terra di Israele”, aggiungendo che la lettera formale sarà presentata all’agenzia Onu entro la fine di quest’anno e che quindi Israele lascerà l’Unesco entro la fine del 2018.

Lascia un commento

1 Commento

  1. ferdinando sorbo

     /  26 dicembre 2017

    Nell’ I CHING, tradotto da Richard Wilhelm, si afferma che il drago governava gli uomini in modo nascosto. Senza mostrarsi, attraverso i suoi figli genetici. La migliore tattica per governare gli uomini e donne, è il dividi ed impera : far governare un suo figlio folle ed autoritario, per poi accreditare un altro suo figlio, mite e democratico. Forse non è una tattica del dragonide, per il quale Israele rappresenta e ha rappresentato la sua nazione prediletta da tempi antichi. Forse è divenuto isterico perchè il suo fine ultimo non è ancora stato raggiunto.L’Anima di Neo non si vuole far travasare nel suo e dei suoi alleati, corpi. Le ricariche energetiche non gli bastano più. Anche se è eterno, 1000 anni passano in fretta, e i suoi ex alleati ang-elici esodimensionali, suoi concorrenti nel furto di energia animica, ai danni degli umani terrestri, lo vogliono distruggere. In questo senso, anche stando all’Apocalisse, Trump è veramente l’ultima carta da giocare, sopratutto per rendere obbligatori in U.S.A. l’inserzione dei microchip sottocutanei. La reality è noto, supera ogni fantasy.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: