Torna la normalità: Corea del Nord lancia due missili nel mar del Giappone


La Corea del Nord ha lanciato due missili balistici nel mar del Giappone. Il lancio viola le risoluzioni delle Nazioni Unite, ed è la seconda volta in una settimana che il paese fa test missilistici. La Corea del Nord sta continuando a potenziare il suo arsenale ormai da qualche anno, nonostante gli accordi fatti con gli Stati Uniti.

I Talebani vietano lo sport alle donne


Il vicecapo della commissione culturale dei talebani, Ahmadullah Wasiq, ha affermato che le donne, sotto il nuovo regime, non possono fare sport: “Sarebbero troppo visibili e questo va contro il codice d’abbigliamento dell’Islam. Anche se questo provoca contestazioni, noi talebani non abbandoniamo i nostri valori”, ha detto in un collegamento tv.

Colpo di stato in Guinea


In Guinea è in corso da stamattina un tentativo di colpo di stato da parte di un pezzo dell’esercito. Da alcune ore sui social network circolano foto e video del presidente del paese, Alpha Conde, circondato da soldati di un corpo speciale di sicurezza. Il capo del corpo, Mamady Doumbouya, è già apparso sulla tv nazionale per dichiarare dissolto il governo e gli altri organismi elettivi.

I Talebani avanzano in Panshir


Le forze talebane si sono spinte dentro la valle del Panshir, raggiungendo il villaggio di Anabah, dove si trovano il centro chirurgico e pediatrico e il centro di maternità di Emergency. il capo della resistenza afghana contro i talebani, Ahmad Massoud, torna con un messaggio su Facebook dopo che ieri era circolata la notizia di una sua fuga in Tagikistan. “Non rinunceremo mai alla lotta per la libertà e per la giustizia”.

Inframondi, trilogia del presidente


Inframondi, è la trilogia del presidente della NOC, Lukha B. Kremo, uscita in cartaceo con copertina rigida con una splendida illustrazione di Prof. Bad Trip, alias Gianuca Lerici, compianto artista ligure.

Il libro ha anche la particolarità di essere il primo romanzo italiano a essere venduto in unica copia autografata in PDF con certificazione di proprietà NFT (messo all’asta il 20 giugno 2021, venduto il 19 luglio 2021).

Attentato all’aeroporto di Kabul


Il tanto annunciato attentao all’aeroporto di kabul è appena avvenuto. Si è sentita una forte esplosione fuori dall’aeroporto di Kabul, si è trattato di un attentato suicida che ha provocato molte vittime, ma ancora non ci sono numeri. Dopo una prima esplosione, ne sono seguite altre tre, che hanno sfruttato l’assembramento iniziale per massimizzare le vittime. Dietro l’attentato c’è l’ISKP, lo Stato Islamico della provincia del Khorasan, territorio al confine afghano con il Pakistan, è sigla che ha firmato, dal 2015 in avanti, tutti i principali attentati a Kabul.

Afghanistan: caos all’aeroporto di Kabul e nel resto del Paese


Le luci dei riflettori sono puntati sulla capitale ma ci sono evacuazioni in corso a Herat, Mashhad e in altre province.

La situazione allo scalo della capitale è peggiorato nelle ultime ore. Sarebbero morte almeno tre persone. “Pandemonio assoluto”

Il fratello dell’ex presidente Ghani giura fedeltà agli estremisti. Il leader dei talebani, Abdul Ghani Baradar è a Kabul per formare il nuovo governo. Erdogan e Putin discutono della crisi: anche Merkel chiama il presidente turco.

Dopo 20 anni di missione Usa, i Talebani riconquistano l’Afghanistan in una settimana


I talebani, dopo aver conquistato la città chiave di Jalalabad, hanno reso noto di aver circondato Kabul. Ai combattenti è stato ordinato di evitare violenze e consentire un passaggio sicuro a chi vuole andarsene. Bandiere taliban davanti al palazzo dell’università. Il ministero degli Interni del governo Ashraf Ghani sta negoziando in vista di quella che viene definita una “transizione pacifica”: nelle prossime ore lascerà il potere a un governo ad interim guidato dai taliban. Secondo fonti diplomatiche sarà l’ex ministro dell’Interno afghano ed ex ambasciatore in Germania, Ali Ahmad Jalali, a guidare il governo di transizione. A Herat nominato ministro degli affari femminili un religioso della linea dura noto per essere contrario ai diritti delle donne. Otto o nove rappresentanti delle delegazioni talebane sono attualmente all’interno del palazzo presidenziale di Kabul. Tra loro c’è Anas Haqqani, fratello del vice leader talebano Sirajuddin Haqqani.

Forse non siamo vicini alla verità quando Biden afferma “L’esercito afghano non può o non vuole tenere il Paese”. 20 anni di guerra, occupazione e “riabilitazione alla democrazia” pilotata da Usa e alleati Nato, si sciolgono in una settimana, con le autorità che di fatto consegnano il Paese ai Talebani quasi senza resistenza. Inutile dire che questa transazione è emblematica della totale inutilità, del dispendio di uomini, mezzi e denaro (pagato dalle tasse dei cittadini, ricordiamolo) e probabilmente dell’iniquità dell’intervento dell’Occidente in questo Paese, che preferisce consegnarsi alla dittatura teocratica talebana (che reinstaurerà la legge della Sharia), piuttosto che tenere un governo democratico filo-occidentale.

I Talebani avanzano: conquistate Herat e Kandahar


I Talebani hanno preso la seconda e la terza città più grandi dell’Afghanistan, Kandahar e Herat, dove fino a qualche settimana fa erano dispiegati i militati italiani. Sono così 15 i capoluoghi delle 34 province afghane caduti nelle mani dei Talebani in una settimana. Presa anche Feroz Koh, la capitale della provincia afghana di Ghor, a ovest di Ghazni. Gli Usa riducono il personale a Kabul. Il governo afghano cerca un accordo di condivisione del potere. La Ue minaccia i talebani: resterete isolati.

La NOC vieta il vaccino anti-Covid19


Il presidente della NOC Lukha B. Kremo vieta l’inoculazione del vaccino anti-Covid19 a chi non è ancora vaccinato. “Lo facciamo per INCENTIVARE i vaccini. Sappiamo infatti che la gente tende a preferire cose illegali ed esclusive. Lo stesso facebook ha avuto successo perché prima del 2008 si entrava solo su invito.”

Il divieto entrerà in vigore domani 10 agosto e la sanzione prevede l’inoculazione della seconda dose.

Talebani in offensiva in Afghanistan: conquistate tre città


I talebani hanno stretto la loro offensiva sull’Afghanistan del nord, espugnando tre capoluoghi di provincia, tra cui Sar-e-Pul, Taloqan e soprattutto la seconda città del Paese, Kunduz. L’esercito sembra incapace di fermarli. Nel frattempo l’ambasciata Usa esorta i cittadini statunitensi a lasciare immediatamente l’Afghanistan.

La NOC introduce il Black Pass: ecco come ottenerlo


La Nazione Oscura Caotica introduce il Black Pass. Molti i modi per ottenerlo:

1) Essere stato vaccinato o avere contratto almeno 10 su queste 12 malattie: Covid-19, Poliomielite, Pertosse, Morbillo, Rosolia, Varicella, Herpes Zoster, Parotite, Tetano, Epatite A, B e Meningite (ed essere ancora in vita)

2) Avere superato una sbornia con almeno 1 litro di emesi (vomito) documentato

3) Dimostrare di essersi iniettato una dose di eroina, cocaina o metanfetamina non controllata

4) Essere stato almeno una volta sulla Luna, nello Spazio ad almeno 90 km di altitudine o nel sottosuolo o nelle profondità marine ad almeno 4 km di profondità.

Il Black Pass permetterà di frequentare tutti i luoghi e tutti i laghi senza limitazione alcuna e permetterà altresì di:

1)_Stare a meno di un metro dai passanti e sgomitarli

2) Starnutire e/o sputare in direzione del viso dei passanti, senza coprirsi

3) Professarsi No-vax e partecipare a dimostrazioni contro i vaccini

Corea, accordo per ripristinare i canali di comunicazione tra Nord e Sud


La Corea del Nord e la Corea del Sud hanno raggiunto un accordo per ripristinare i loro canali di comunicazione, interrotti ormai da molti mesi. Kim Jong-un e Moon Jae-in si erano scambiati lettere personali dal mese di aprile volte a migliorare le relazioni.

Via l’obbligo di mascherina al polso, rimane l’obbligo di mascherina al gomito


Dopo aver annullato l’obbligo di mascherina al viso, nei territori NOC, cade anche l’obbligo di tenerla al polso; ora c’è l’obbligo di tenerla al gomito. Ben presto si potrà mettere anche in altre parti del corpo, anche intime. Entusiasmo da parte dei cittadinU.

Tensioni a Cuba, migliaia di arresti


Sono più di cinquemila le persone arrestate a Cuba durante i tre giorni di proteste contro il governo, tra cui 120 attivisti e giornalisti. La contestazione è iniziata domenica, quando migliaia di cubani sono scesi per le strade per protestare contro la repressione del governo e i problemi economici del Paese.

Nasce il Fligru, Fronte di Liberazione dai Giardinieri Rumorosi


Oggi 21 Messidoro 131 (11 luglio 2021) è stata fondato il FLIGRU, Fronte di Liberazione dai Giardinieri Rumorosi, contro la nota alleanza terroristica che inquina l’ambiente con i loro rumori molesti utilizzando tagliaerbe e decespugliatori il più possibile rumorosi, quando sul mercato esistono macchine molto silenzionse. Il settore del giardinaggio è l’unico, nell’universo della tecnologia, a essere sistematicamente inquinato a livello di rumore. LIberariamoci da questo terrorismo che distrugge le nostre migliori giornate! Facciamoci aiutare dai nani da giardino!

*** Il nostro Comitato Direttivo: Mimì, Cocò e Pasquale o’ pazz detto Cagami o’ cazz


NAZIONE OSCVRA CAOTICA

giorno 15 messidoro 140

* Quale persone preferite nel Comitato Direttivo del NOC?

Il Governo Oscuro ha votato così:

Qvesito 44

Commento: Il Governo Oscuro elegge Mimì, Cocò e Pasquale o’ pazz detto Cagami o’ cazz membri del Comitato Direttivo.

Turchia: proteste contro l’uscita dal trattato per prevenire la violenza sulle donne


La Turchia esce ufficialmente dalla Convenzione di Istanbul, il trattato internazionale, siglato da 46 Stati, che ha lo scopo di prevenire la violenza sulle donne, dopo il decreto firmato dal presidente Erdogan cento giorni fa. Nei principali centri le persone sono scese in piazza per protestare contro la decisione del governo. Ci sono stati momenti di tensione con la polizia, specialmente a Istanbul.

La nazionale di calcio della NOC s’inginocchierà e giocherà inginocchiata


Le recenti polemiche sono nate dopo che alcune nazionali di calcio agli europei si sono inginocchiate prima della partita per onorare il Black Lives Matter e quindi manifestando la loro volontà antirazzista, mentre altre nazionali non lo hanno fatto e la nazionale italiani si è divisa in un gruppo inginocchiato e uno in piedi.

La NOC, per sottolineare il suo deciso impianto antirazzista, dichiara che nella prossima partità s’inginocchierà al completo e giocherà l’intera partita in ginocchio.

Risultato scontato in Iran, l’ultraconservatore Ebrahim Raisi


Le elezioni presidenziali in Iran sono state vinte da Ebrahim Raisi, attualmente capo del sistema giudiziario dell’Iran ed espressione degli ultraconservatori, ottenendo 17,8 milioni di preferenze, il 62% del totale.

La vittoria di Raisi era scontata, soprattutto dopo che il Consiglio dei Guardiani, l’organo che si occupa arbitrariamente di selezionare i candidati prima di ogni elezione, molto vicino ai conservatori e agli ultraconservatori, aveva escluso i più importanti politici riformisti e moderati che avevano chiesto di far parte delle liste dei candidati, fra cui soprattutto il vice del presidente uscente Hassan Rouhani, Eshaq Jahangiri.

Le esclusioni dei candidati moderati sono l’ultima conseguenza di un processo politico in atto in Iran, iniziato con la decisione presa nel 2018 dall’allora presidente statunitense Donald Trump di ritirare gli Stati Uniti dall’accordo che impegnava l’Iran all’uso esclusivamente civile dell’energia nucleare, di fatto affossandolo.

I danni a livello internazionali dell’ex presidente, a quanto pare si faranno sentire per molti anni, in ogni campo, a dispetto di chi sosteneva che avesse fatto cose utili all’assetto politico internazionale.

Summit Bide-Putin, prove di dialogo


Si è concluso dopo circa 4 ore il summit tra i presidenti statunistense e russo. Il vertice è definito costruttivo, ma restano le divergenze. Biden: “La mia agenda non è contro la Russia, è per gli americani’. Putin: “Biden è diverso da Trump ed è uno statista esperto”. Tra i temi discussi: il rientro degli ambasciatori, i trattati sulle armi, la cybersecurity, l’Ucraina e lo scambio di detenuti.

Bitcoin moneta a corso legale in El Salvador


Il Parlamento di El Salvador ha approvato la legge sul bitcoin, da cui si evince che bitcoin nel Paese avrà anche corso forzoso, visto che in questo testo è esplicitato che tutti gli “agenti economici” sono obbligati ad accettare bitcoin come mezzo di pagamento. Il promotore è il presidente Nayib Bukel, capo della maggioranza.

El Salvador non ha una sua moneta nazionale, perchè il suo Colón salvadoregno (SVC) ormai è fuori corso. Per ora stanno utilizzando il dollaro USA, ma con questa nuova legge verrà di fatto affiancato il Bitcoin.

Il capo di Boko Haram suicidato per evitare la cattura dell’Isis africana


Abubakar Shekau, capo della formazione terrorista islamica Boko Haram, che opera in Africa, è morto probabilmente a causa di un suicidio, il 20 maggio scorso per evitare la cattura da parte dell’ISWAP (Islamic State West Africa Province) che non ne riconosceva più l’autorità. Probabilmente si è ucciso con una cintura esplosiva insiema Bako Gorgore, già leader del governatorato di Timbuktu dell’Iswap. A questo punto la sorte di Boko Haram sembra segnata, perché la zona strategica ella foresta di Sambisa nello stato di Borno, in Nigeria passa sotto il controllo dell’Isis.

Almeno 132 uccisi in un attacco in Burkina Faso


Almeno 132 civili sono stati uccisi in un attacco armato nel nord del Burkina Faso, vicino al confine con il Niger. L’attacco è avvenuto nella notte tra venerdì e sabato nel villaggio di Solhan. Per ora nessun gruppo armato lo ha rivendicato. Il Burkina Faso, fino a non molto tempo fa, era uno dei paesi più stabili dell’Africa occidentale, ora sono in aumento gli attacchi da parte di diversi gruppi radicali islamisti.

E’ l’attacco più grave in Africa dal 2015. Il governo ha dichiarato un lutto nazionale di 72 ore.

La Cina fa land grabbing in Europa?


Nel 2014 quando il Montenegro firmò un accordo con la banca cinese ExIm per finanziare l’85% del costo dell’autostrada con un prestito per quasi un miliardo di dollari. La prima sezione di 41 chilometri, un quarto della lunghezza totale, è costata 20 milioni di euro al chilometro, rendendola una delle autostrade più care al mondo secondo quanto ha spiegato al Financial Times il ministro delle Finanze, Milojko Spajic.

Ora, il Montenegro deve ripagare alla Cina il prestito a opera della China Road and Bridge Corporation. Il piccolo Stato dei Balcani occidentali con un’economia fortemente provata (con la pandemia il Pil è crollato del 15%), chiede aiuto all’Unione europea per poter uscire dal cappio di Pechino che rischia di scattare a luglio. Ma Da Bruxelles è già arrivato un secco no.

Pechino detiene un quarto del debito pubblico del piccolo Stato dei Balcani. In caso d’insolvenza, i termini del contratto danno a Pechino il diritto di accedere alla terra montenegrina come garanzia

Israele: Governo di Unità Nazionale, fuori Netanyahu


L’ex alleato Naftali Bennett trova l’intesa con Yair Lapid, che guida l’opposizione centrista Yesh Atid. Benjamin Netanyahu non sarà più alla guida del governo israeliano a più di 12 anni dal primo incarico da primo ministro.

La Bielorussia dirotta un aereo per arrestare un dissidente


Roman Protasevich, un attivista sospettato di coinvolgimento in attività terroristiche da parte delle autorità bielorusse e il cui canale su Telegram “Nexta”, è stato arrestato. Il suo volo Ryan Air da Atene a Vilnius, è stato dirottato ed è stato costretto ad atterrare a Minsk da un Mig-29, a causa di un “allarme bomba”, rivelatosi poi un falso. Il ministero degli Esteri lituano Gabrielius Landsbergis ha convocato l’incaricato d’affari bielorusso e ha chiesto il rilascio immediato di tutti i passeggeri e dell’equipaggio trattenuto all’aeroporto di Minsk.

L’UE sta valutando sanzioni contro la Bielorussia e la chiusura dello spazio aereo bielorusso, da alcune compagnie aeree già attuato.

Ma questa pratica non è nuova anche da parte di altre nazioni: la Turchia costrinse all’atterraggio ad Ankara un aereo passeggeri siriano sospettato di trasportare armi. Allo stesso modo l’Ucraina fece atterrare a Kiev un Boeing bielorusso con a bordo l’esponente anti-Maidan Armen Martirosyan, con la minaccia di caccia militari fatti decollare per dirottare il volo e costringerlo all’atterraggio. Accadde anche al volo presidenziale che trasportava l’allora presidente boliviano Evo Morales. Il suo volo fu costretto ad atterrare in Austria dopo che Francia e Portogallo avevano negato l’autorizzazione a passare nel loro spazio aereo. Ci furono forti pressioni degli Stati Uniti perché sospettavano che a bordo volasse insieme a Morales il whistleblower statunitense Edward Snowden. 

Israele continua a bombardare Gaza. Razzi dal Libano


Il premier Benyamin Netanyahu ha detto di essere determinato ad andare avanti con l’operazione. Un convoglio di aiuti umanitari giordani destinato all’ospedale giordano di Gaza non ha potuto entrare oggi nella Striscia perchè il valico di Kerem Shalom da cui doveva transitare è stato oggetto di un attacco di mortai palestinesi. La Casa Bianca ha reso noto che il presidente Usa Joe Biden ha parlato oggi con il premier israeliano Netanyahu esprimendogli la sua volontà di arrivare al cessate il fuoco. Intanto le sirene di allarme antimissili stanno risuonando nel nord di Israele, nella zona compresa tra Haifa e il Libano.

A Gaza più di 100 morti, pronta l’invasione di Israele


I razzi lanciati dai territori palestinesi sono più di un migliaio, quasi tutti intercettati dal sistema di difesa Iron Drone. Israele ha risposto con centinaia di attacchi aerei e Netanyahu esclude il cessate il fuoco. Strage in un villaggio della Striscia. Oltre 100i morti dall’inizio degli scontri.

Israele ha richiamato altri 9mila riservisti, con il totale che sale così a 16mila, e sono state bloccate tutte le licenze. SI prepara l’invasione via Terra nella Striscia di Gaza.

Bombe tra Hamas e Israele


Hamas ha inasprito gli attacchi contro Israele lanciando una grande salva di razzi (circa 40) verso Ashdod, circa 40 chilometri a nord di Gaza, comereazione ai disordini della Spianata delle Moschee. Israele ha reagito bombardando alcuni obiettivi palestinesi e sono rimaste uccise 28 persone e dferite 152 feriti. Successivamente Hamas ha lanciato 130 razzi contro Tel Aviv, chiuso l’aeroporto.

Gerusalemme: ancora scontri alla Spianata delle Moschee


Nuovi incidenti tra manifestanti palestinesi e polizia israeliana in corso sulla Spianata delle Moschee, a Gerusalemme. Da parte dei manifestanti ci sono stati lanci di pietre mentre gli agenti hanno risposto con granate assordanti. Si parla di 215 feriti.

Colombia: 24 morti nelel proteste contro il Governo


In questi giorni in Colombia è in corso una vera e propria strage a seguito dell’intervento delle forze speciali di polizia (Esmad) e dell’esercito contro le manifestazioni contro il governo del presidente Iván Duque Márquez, a causa è statadelal sua decisione di proporre una riforma fiscale di netto stampo liberista, che compisce soprattutto chi ha di meno, allegegrendo le tradizionali oligarchie colombiane e dei nuovi ricchi tra cui anche narcos, in un Paese che produce oltre il 90% della cocaina mondiale.

Spagna: la Destra vince le elezioni e Pablo Iglesias lascia la politica


Alle elezioni di Madrid ha vinto la destra, e vede il tonfo del leader di Podemos Pablo Iglesias, che ha ricevuto solo il 7,2%. Invece per la presidente uscente Isabel Díaz Ayuso è stato un trionfo. Le prime elezioni post-Covid sono sicuraemnte un segnale per il resto d’Europa. Pablo Iglesias ha dichiarato di voler lasciare la politica.

La Corea del Nord minaccia l’Onu: “Schiavi degli Usa, gravi conseguenze


Da Pyongyang arriva l’avvertimento al Consiglio di Sicurezza dell’Onu, sostenendo che usa due pesi e due misure e che questo avrà “conseguenze molto gravi”. Il messaggio è arrivato attraverso un comunicato firmato dal direttore generale del dipartimento organizzazioni internazionali del Ministero degli Esteri, Jo Chol Su, divulgato dall’agenzia di stampa nordcoreana Kcna.

La Nazione Oscura Caotica s’iscrive alla Superlega di calcio


Dopo la prposta di una Superlega europea di Calcio con 15 superclub e le seguenti rinunce dei club inglesi, di quelli spagnoli e di Inter e Milan, la Nazione Oscura Caotica Calcio chiede l’iscrizione alla Superlega, sperando di vincere o, almeno, di arrivare seconda.

Proposta di legge contro l’alienofobia e il terrestrismo


Lukha B. Kremo ha proposto un disegno di legge alla Nazione Oscura Caotica che prevede di punire la discriminazione e l’incitamento all’odio terrestrista contro tutte le forme di vita aliene. Sarebbe il primo caso al mondo.

Ucraina, risale la tensione con la Russia


La Russia vede una possibile minaccia di ripresa di una guerra civile in Ucraina. “Siamo davanti ad atti provocatori lungo la linea di contatto” sostiene il Cremlino. Il premier ucraino Volodymyr Zelensky ha visitato il Donbass e ha detto che l’adesione del paese alla Nato avrebbe presumibilmente aiutato a porre fine al conflitto nella regione. Fraze che Mosca ha letto come provocazione. Gli Stati Uniti hanno inviato due navi militari nel Mar Nero.

Giordania, arresti a corte per un presunto complotto


In queste ore sarebbero stati arrestati Bassem Awadallah, ex ministro delle Finanze, un altro membro della famiglia reale e una ventina di persone. Ai domiciliari l’ex principe ereditario, e fratellastro del sovrano, Hamza bin Hussein, che in un video conferma. La polizia segreta giordana si sarebbe presentata davanti alla sua villa e gli avrebbe imposto di rimanerci assieme alla moglie Basmah.

Myanmar: l’esercito festeggia con una carneficina


Oggi si contano almeno 91 morti tra i manifestanti, e tra questi anche almeno due bambini, di 5 e 13 anni. I manifestanti sono scesi in piazza a Yangon, Lashio, Mandalay, Kyaukpadaung e Kyeikhto. Le vittime complessive della repressione hanno superato quota 400, tra le migliaia di civili che ormai da quasi due mesi manifestano sfidando la repressione della giunta militare..

La Corea del Nord lancia due missili nel amr del Giappone


La Corea del Nord ha lanciato nella notte due missili balistici nel mar del Giappone. Lo ha comunicato il governo nipponico, spiegando che il test di due proiettili non identificatì è avvenuto poco dopo le 7 del mattino ora locale (la scorsa mezzanotte in Italia). I missili sono atterrati in acqua, poco fuori la zona economica esclusiva di Tokyo.

Mozambico: bambini decapitati davanti alle madri da terroristi islamici


Bambini decapitati davanti agli occhi dei genitori. Succede nella provincia settentrionale di Cabo Delgado, in Mozambico. Non è la prima volta che emergono notizie di civili decapitati dai militanti islamici in Mozambico. Lo scorso novembre, media locali riportano la notizia di oltre 50 persona decapitate su un campo da calcio a Cabo Delgado.

Alexey Navalny: “Sono in un centro di concentramento”


“Devo ammettere che il sistema carcerario russo è riuscito a sorprendermi. Non potevo immaginare che fosse possibile organizzare un vero campo di concentramento a 100 chilometri da Mosca” sono le parole dell’oppositore su Instagram, dove è stata pubblicata una sua foto col cranio rasato.

Esposione in Guinea Equatoriale in base militare a Bata: almeno 20 morti


20 morti e 500 feriti il bilancio, ancora provvisorio, delle esplosioni che hanno scosso una base militare di Nkoa Ntoma a Bata, nella Guinea Equatoriale, con persone – compresi bambini – estratte dalle macerie. Il Presidente Teodoro Obiang Nguema ha ordinato un’inchiesta, per il momento si parla di un incidente, ma non si escludono altre ipotesi.

Il papa in Irak


Papa Francesco in Irak incontra a Qaraqosh la comunità cristiana che nel 2014 fu scacciata via dall’Isis, in precedenza è stato a Mosul, dove ha pregato per le vittime della guerra e dei conflitti armati. Infine ha recitato la messa nello stdio di Arbil.

Birmania: militari sparano sulla folla


Tre manifestanti sono in condizioni critiche dopo essere stati colpiti da proiettili sparati dalle forze dell’ordine sulla folla durante le proteste di ieri contro il colpo di stato militare, mentre negli ultimi giorni diversi giornalisti sono stati arrestati.

L’ambasciatore birmano all’Onu, Kyaw Moe Tun, critica il golpe e viene licenziato


I militari al potere in Myanmar hanno licenziato l’ambasciatore all’Onu, Kyaw Moe Tun, dopo il discorso tenuto davanti all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, nel quale ha esortato la comunità internazionale a usare ogni mezzo necessario per contrastare  i militari e contribuire a ripristinare la democrazia.

Il governo militare lo ha licenziato accusandolo di aver tradito il Paese e di aver parlato a nome del governo destituito, che non lo rappresenta.

Omicidio Khashoggi, Killer arrivati a Istanbul su aerei del principe saudita Mohammad bin Salman


La Cnn riporta che i due aerei usati dai killer del giornalista saudita Jamal Khashoggi per arrivare a Istanbul appartengono al sovrano di Riad, Mohammad bin Salman. Come per gli strani casi russi del veleno, non basta la pistola fumante per incolpare persone troppo potenti.

Ucciso ambasciatore italiano in Congo in un attacco al convoglio dell’Onu


L’ambasciatore italiano in Congo, Luca Attanasio, è morto insieme a un militare dell’Arma dei Carabinieri e una terza vittima, forse locale, lunedì, intorno alle 9 italiane, a Goma, in Congo, a causa di un attacco di arma da fuoco al convoglio Onu.

Decine di studenti rapiti in Nigeria


Quarantadue persone, di cui 27 studenti, sono state rapite in un attacco di uomini armati che indossavano uniformi dell’esercito nel College statale di Scienze a Kagara, nello Stato del Niger. Lo ha comunicato Muhammad Sani Idriss, portavoce del governo dello Stato nigeriano del Niger.

*** Hic non sunt dracones


NAZIONE OSCVRA CAOTICA

GOVERNO OSCVRO

QVESITO XLIII

giorno 25 piovoso 140

* Approvate o non approvate il Governo Draghi in Italia?

Il Governo Oscuro ha votato così:

Commento: Il Governo Oscuro non approva il Governo Draghi in Italia

Il Governo Oscuro  rifiuta di credere nel Governo Draghi, anche se l’astensione rimane alta. Il “no” è abbastanza netto, ma forse si spera che un governo che certamente va in direzione contraria ai propri principi possa comunque essere migliore, in circostanze di emergenza, di un governo poco capace e con scarsa esperienza.