Comunicati

Turchia: Erdogan vince al ballottaggio contro Kilicdaroglu


L’attuale presidente è riconfermato per un terzo mandato: arriverà fino al 2028. Kemal Kılıçdaroğlu ha ottenuto il 46,5% dei consensi. Le operazioni di voto sono iniziate alle 8 ora locale, le 7 in Italia. I seggi sono rimasti aperti fino alle 17, le 16 italiane. L’affluenza è arrivata all’85%.

Comunicati

Turchia al ballottaggio


Si va al ballottaggio il 28 maggio in Turchia, dove il presidente Recep Tayyip Erdogan non è riuscito a superare la soglia del 50 per cento dei voti nelle elezioni presidenziali di ieri e quindi a vincere al primo turno. Nemmeno lo sfidante Kamal Kilicdaroglu, che guida una coalizione dell’opposizione di sei partiti, è riuscito a rispettare quanto prevedevano i sondaggi e quindi a vincere al primo turno. Con il 90 per cento delle schede scrutinate, Erdogan ha ottenuto il al 49,49 per cento dei voti mentre Kilicdaroglu al 44,79%.

Comunicati

Sudan: evacuazione delle ambasciate


Gli scontri continuano a Khartoum anche strada per strada tra esercito regolare di Abdel Fattah Abdelrahman al-Burhan, generale e Presidente del Consiglio Sovrano di Transizione, e le milizie di Mohamed Hamdan Dagalo, meglio noto come Hemedti. Hemedti è al comando dei famigerati Janjawid, al soldo del deposto dittatore Omar al-Bashir , circa 100mila combattenti che hanno commesso tutti i tipi di crimini contro l’umanità nei diversi conflitti in Sudan, mentre lui diventava anche la persona più ricca del paese. Diversi Paesi stranieri, tra cui l’Italia, stanno preparando l’ evacuazione di migliaia di loro concittadini, anche se il principale aeroporto del Sudan rimane chiuso. L’Rsf ha promesso “piena cooperazione con tutte le missioni diplomatiche, fornendo tutti i mezzi di protezione necessari e garantendo il loro ritorno sicuro nei loro Paesi”. I combattimenti hanno provocato centinaia di morti e migliaia di feriti, mentre i sopravvissuti devono far fronte alla carenza di elettricità e cibo. L’evacuazione avviene con mezzi di superficie fino al Gibuti, dove forze navali trasportano i civili attraverso il mar Rosso.

Comunicati

Sudan: colpo di stato filorusso


Guerriglia a Khartoum, capitale del Sudan. Colonne di fumo si levano dall’interno della base aerea di Marawi e da Khartoum 2, scontri tra l’esercito e le Forze di supporto rapido (Rsf) nella base e nella vicina città. E’ in corso un tentativo di colpo di stato da parte delle milizie paramilitari della Rsf (Rapid support forces), guidate dal generale Mohamed Hamdan Dagalo, uomo molto vicino alla Russia e appoggiato dal gruppo Wagner,

Comunicati

Cina testa blocco attorno a Taiwan


Il Comando del teatro meridionale dell’Esercito popolare di liberazione cinese ha riferito di aver organizzato forze navali e aeree per rintracciare e monitorare il cacciatorpediniere Uss Milius quando è entrato illegalmente nelle acque vicino alla barriera corallina cinese di Meiji nelle Nansha (leisole Spratly), nel mar Cinese meridionale. La Settima Flotta Usa, in precedenza, aveva sostenuto che il cacciatorpediniere Uss Milius aveva affermato i diritti e le libertà di navigazione nel mar Cinese meridionale vicino alle isole Spratly, in conformità con il diritto internazionale, dato che nessuna delle Spratly è riconosciuta a nessuno dei contendenti (tra cui Cina, Filippine, Vietnam e Taiwan).

A bordo delle navi dell’esercitazione, tra cui portaerei, armi reali.

Comunicati

La Finlandia è membro della Nato


Da oggi 4 aprile 2023, la Finlandia diventa il 31° Stato della Nato. Il processo cominciato a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina. E così, per timore di future invasioni, la Finlandia perde la sua storica neutralità. Un passaggio che è arrivato grazie al voto della Turchia che giovedì 30 marzo aveva ratificato l’adesione , nonostante avesse osteggiato per diversi mesi questa operazione. Mosca ha risposto aumentando le sue capacità militari sul fronte occidentale e nord-occidentale.

Commentari · Comunicati

Israele in rovilta: Natanyahu come Berlusconi


Dopo il licenziamento del ministro della Difesa Yoav Gallant, contrario alla riforma della giustizia, la protesta ha coinvolto oltre 700mila persone. La riforma della Giustizia prevede che le nomina della Corte Suprema sia fatta dal Governo. Israele non ha una vera Costituzione e ciò rappresenterebbe dissolvere il potere giudiziario. Netanyahu in questo momento è sotto processo per corruzione e altri reati e la sua difesa ritiene che le accuse siano motivate solo dal punto di vista politico. 

In seguito alla protesta gli Stati Uniti esprimono preoccupazione per la Legge e il console isrraeliano a New York so è dimesso. Benjamin Netanyahu potrebbe fare un passo indietro, congelando la proposta a un passo indietro. La rivolta nella notte, unita alle

Comunicati

Xi Jinping e Putin si spartiscono l’Asia centrale


Durante il recente incontro dedicato principalmente alla vicenda ucraina e alla relazione bilaterale tra la Federazione russa e la Repubblica Popolare Cinese, non è mancata l’occasione per un comunicato che per i Paesi dell’Asia centrale suona come un monito. Infatti è stato scritto che Mosca e Pechino si impegnano a incrementare i loro sforzi coordinati per supportate le repubbliche regionali asiatiche nella difesa della loro sovranità e che vi è la volontà di non accettare tentativi di forze esterne di destabilizzare la regione. E’ importante notare che Putin e Xi Jinping hanno tratteggiato la loro strategia per la regione senza che i leader locali fossero presenti. Inoltre, questo “isolamento forzato”, nel medio periodo, andrebbe a tutto svantaggio dello sviluppo regionale.

Da notare un’altra notizia emersa durante la due giorni russa: proprio mentre Xi Jinping si trovava a Mosca, la Cina ha invitato ufficialmente le cinque repubbliche centro asiatiche (Kazakistan, Uzbekistan, Turkmenistan, Kirghizistan e Tagikistan) a prendere parte al primo summit congiunto in presenza che si terrà nel mese di maggio a Pechino, come se volesse battere sul tempo la concorrenza e prendere accordi esclusivi.

Comunicati

Honduras rompe le relazioni diplomatiche con Taiwan e sceglie la Cina


IL governo dell’Honduras di Xiomara Castro rompe ufficialmente le relazioni diplomatiche con Taiwan, una mossa che ha suscitato la collera di Taipei dal momento che Tegucigalpa ha cambiato alleato avvicinandosi alla Cina. Il ministro degli Esteri cinese, Qin Gang, e il ministro degli Esteri dell’Honduras, Eduardo Enrique Reina, hanno firmato l’accordo sul riconoscimento diplomatico a Pechino, ponendo fine alle relazioni con Taiwan risalenti agli anni ’40. Il ministro degli Esteri di Taiwan, Joseph Wu, ha detto che il governo Castro ha anche chiesto miliardi di dollari in un’enorme assistenza economica e ha confrontato i prezzi per i programmi di assistenza forniti da Taiwan e dalla Cina, scegliendo la seconda.

Comunicati

Mandato di arresto internazionale per Putin


La Corte Penale dell’Aja ha emesso un mandato di cattura per Vladimir Putin. Il presidente russo è accusato di crimini di guerra, in particolare per la deportazione illegale e l’adozione forzata di 16mila bambini nelle zone occupate. Immediata la replica del Cremlino: “Le decisioni della Corte penale internazionale non hanno alcun significato per il nostro Paese, nemmeno dal punto di vista legale”.

Comunicati

Scontro tra jet russo e drone Usa


Un jet russo si è scontrato con un drone statunitense sul Mar Nero. Il drone MQ-9 stava conducendo operazioni di routine nello spazio aereo internazionale quando è stato intercettato e colpito da un aereo russo, provocando un incidente e la completa perdita dell’apparecchio, ha affermato il generale dell’aeronautica statunitense James Hecker, comandante della US Air Force Europa e Africa, citato dall’Afp.

Commentari · Comunicati

Cina, Xi Jinping eletto presidente per la terza volta


Xi Jinping ha attenuto 2952 voti favorevoli su 2952, 0 contrari, 0 astenuti. Già così fa ridere.

Xi Jinping è stato eletto Presidente della Cina per la terza volta consecutiva, grazie anche alla modifica della Costituzione che prevedeva un massimo di due mandati. La sua riconferma è comunque ritenuta scontata dopo l’altrettanto inedito terzo mandato alla guida del Partito comunista ottenuto al XX Congresso nazionale del Pcc di ottobre 2022. Xi Jinping è così diventato il capo dello Stato cinese più longevo della Cina dalla vittoria comunista nel 1949.

Comunicati

Usa: Gasdotti Nord Stream fatti esplodere da gruppo pro-Ucraina


Il New York Times cita fonti americane che hanno avuto accesso alle ultime risultanze delle indagini. I dettagli svelati da tre testate tedesche (Ard, Swr e Zeit): ad agire un’imbarcazione noleggiata da una società con sede in Polonia, apparentemente di proprietà di due ucraini. Sopra un commando di 6 persone con passaporti falsi, partito da Rostock 20 giorni prima delle esplosioni. Gli inquirenti indirizzati dalla segnalazione di un’intelligence occidentale già nell’autunno scorso. Al momento non ci sono indicazioni che Zelensky e il suo governo siano coinvolti.

Comunicati

i russi lanciano una superbomba, ma l’avanzata arresta


Mentre continua l’assedio russo a Bakhmut, una nuova minaccia si abbatte sull’Ucraina: la UPAB-1500B, bomba planante dal peso di 1,5 tonnellate progettata per colpire obiettivi altamente protetti a una distanza fino a 40 km grazie ai suoi 1.010 kg di esplosivo ad alto potenziale. L’ordigno è stato usato qualche settimana fa nella regione di Chernihiv.

Intanto ci sono segni di crisi in entrambi gli schieramenti a Bakhmut: mentre l’assedio continua, i soldati ucraini impegnati nella più lunga e sanguinosa battaglia dell’invasione denunciano di non ricevere sostegno sufficiente. Dall’altra parte del fronte, ritirarsi da Bakhmut non è un’opzione per i mercenari Wagner: l’intero fronte crollerebbe, secondo il capo del gruppo Yevgeny Prigozhin, che è tornato a lamentarsi del ministero della Difesa russo che non fornirebbe al gruppo altre munizioni e detenuti da mandare al fronte.

Comunicati

Brexit: nuovo accordo sull’Irlanda del Nord


Il primo ministro Rishi Sunak e la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen presentano una versione aggiornata del protocollo che spacca in due il Regno Unito. Attesa la reazione di euroscettici e unionisti a Belfast. Ma c’è polemica sul ruolo di re Carlo.

Non una modifica formale del documento, (che avrebbe costretto l’Ue a contraddirsi rispetto alla sua posizione iniziale); ma una reinterpretazione sostanziale (ribattezzata Windsor Framework) di alleggerimento: dalla cancellazione dei controlli di routine imposti dal vecchio Protocollo per le merci in transito interno fra l’Ulster e il resto del Regno.

Comunicati

Putin annuncia l’uscita dal New Start


Vladimir Putin ha annunciato che la forza di deterrenza nucleare della Russia è dotata al 90% di armi avanzate e che Mosca sospenderà la propria partecipazione al New Start (STrategic Arms Reduction Treaty), cioè il trattato di riduzione nucleare.

Secondo recenti stime della Federation of American Scientists, Mosca detiene l’arsenale nucleare più vasto del mondo, con 5.977 testate.

Comunicati

Corea del Nord: “Missile intercontinentale lanciato come avvertimento”


La Corea del Nord ha affermato di aver lanciato sabato un missile balistico intercontinentale come avvertimento per Washington e Seoul. Inoltre ha aggiunto che l’esercitazione riuscita dimostra le sue micidiali capacità di contrattacco nucleare. Il leader nordcoreano Kim Jong Un ha ordinato un’esercitazione di lancio sabato alle 8 ora locale (23 di venerdì). Un missile Hwasong-15 è stato poi lanciato dall’aeroporto di Pyongyang nel pomeriggio.

Comunicati

Pakistan: bomba in una moschea a Peshawar, decine di morti


A Peshawar, in Pakistan, una bomba è stata fatta esplodere in una grossa moschea molto affollata con un attentato suicida. Si contano 33 vittime e circa 140 feriti, ma le vittime potrebbero essere molte di più.

Il gruppo dei talebani pachistani, ha rivendicato l’attacco suicida alla moschea di Peshawar in cui sono rimaste uccise almeno 33 persone e ferite 140, secondo l’ultimo bilancio.

L’azione sarebbe una vendetta per l’uccisione del leader del Ttp Omer Khalid Khorasani, il cui vero nome era Abdul Wali Mohmand, avvenuta nell’agosto 2022 per l’esplosione di una mina lungo la strada nella provincia afghana di Paktika.

Comunicati

Germania e Usa: Tank Leopard e Abrams in Ucraina


La Germania ha deciso che fornirà gli agognati Leopard 2A6 all’Ucraina, anche perché gli Stati Uniti hanno fatto trapelare di essere pronti a fare altrettanto con i loro Abrams. Olaf Scholz ha deciso che saranno inviati 4 blindati della Bundeswehr. Altri potrebbero seguire. IL presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha avuto una lunga conversazione con Scholz, Macron, Sunak e Meloni.

Comunicati

Cina: punteremo sulla domanda interna


Dopo la crisi del Covid, che sembra sulla via della normalizzazione, l’abbassamento drastico del PIL e i dati che dicono che per la prima volta dopo 60 anni la Cina ha diminuito la propria popolazione, il vicepremier Liu He al Word Economic Forum di Davos ha dichiarato che l’attenzione della Cina nel 2023 è rivolta all’espansione della domanda interna, mantenendo fluide le catene industriali e di approvvigionamento, sostenendo il sano sviluppo del settore privato e le riforme delle imprese statali, attirando investimenti esteri ed evitando i rischi finanziari.

Comunicati

Perù: 44 morti negli scontri, segue il coprifuoco


Le proteste e le violenze sono state scatenate dalla destituzione del presidente Pedro Castillo (vedi). I manifestanti chiedono le dimissioni della presidente Dina Boluarte. Il bilancio degli scontri in Perù si aggrava: i morti salgono a 44. Il governo ha decretato il coprifuoco nella regione meridionale di Puno, teatro dei disordini, in particolare a Juliaca, tra forze di sicurezza e manifestanti che chiedevano le dimissioni della presidente Dina Boluarte. Centinaia di persone sono rimaste ferite.

Comunicati

Brasile, sostenitori di Bolsonaro assaltano il Palazzo del Congresso


n Brasile i sostenitori dell’ex presidente Jair Bolsonaro hanno fatto irruzione nel Palazzo del Congresso di Brasilia.

In Brasile i sostenitori dell’ex presidente Jair Bolsonaro hanno fatto irruzione nel Palazzo del Congresso di Brasilia.

In Brasile i sostenitori dell’ex presidente Jair Bolsonaro hanno fatto irruzione nel Palazzo del Congresso di Brasilia. La polizia ha utilizzato candelotti di gas lacrimogeni per respingere le migliaia di militanti di estrema destra, che hanno preso di mira il Congresso una settimana dopo l’insediamento del presidente di sinistra Luiz Inacio Lula da Silva. Il presidente Lula ha condannato l’attacco come vandalo e fascista e ha decretato l’intervento delle forze federali.

Comunicati

La Russia schiera i missili ipersonici Tsirkon nel Mediterraneo


La Russia schiera i missili ipersonici Tsirkon nel Mediterraneo e alza la tensione con l’Europa. Vladimir Putin ha spiegato che le testate saranno montate sulla fregata russa Ammiraglio Gorshkov, partita oggi per una missione nell’Atlantico, nell’Oceano Indiano e nel Mediterraneo, non hanno pari al mondo e si è detto fiducioso che tali armi aiuteranno a proteggere la Russia da possibili minacce e ad assicurare gli interessi nazionali del Paese.

arte · Comunicati · gazzetta ufficiale · Governo Oscuro · immagini

Kremo si candida a Papa emerito


POST COL BOTTO anno 12

Dopo il decesso di papa Benedetto XVI il seggio di Papa emerito è vacante. Lukha B. Kremo vi si candida (anticipando il prossimo passo di papa Francesco), proponendo di saltare direttamente la fase, ormai intermedia, di Papa “canonico”.

POST COL BOTTO PRECEDENTI:

2021: Le regole sicure della NOC contro la pandemia
2020: Parte il vaccino della Nazione Oscura
2019: La Nazione Caotica fonda il Regime Fascista della Meloria
2018: La Terra è piatta e io sono Dio
2017: Nasce l’AvatarCoin, la Nazione Oscura l’adotta insieme al QuagliaCoin
2016: È morto il Signore Iddio
2015: Monumento a Ciano sede di Livorno Città Aperta
2014: Posthuman Pop!
2013: Noam Chomski e la mistificazione della realtà
2012: Se vince Berlusconi la Neorepubblica di Torriglia dichiarerà guerra all’Italia!
2011: Declassate le agenzie di rating!

Comunicati

Covid, in Cina è di nuovo emergenza, la politica Zero Covid è fallita


La Cina sembra essere tornata a 2 anni fa, quando il paese registrò i primi casi di Covid-19. La Repubblica popolare cinese non sembra aver trovato una soluzione all’era postcorovavirus (o postcovid). Con l’immediata cessazione della politica Zero Covid, non ci sono più lockdown, e sono stati smantellati covid-center e app di tracciamento e al lavoro si va anche da positivi.

Così la Cina è sprofondata nel caos. I funzionari cinesi e i media statali minimizzano, e rilanciano la propaganda secondo cui la draconiana politica anti virus ha permesso alla popolazione cinese di salvarsi dal virus in questi lunghi anni.

Commentari · Comunicati

Putin prepara l’offensiva?


Il presidente russo Putin ha trascorso l’intera giornata di venerdì al quartier generale della cosiddetta “Operazione militare speciale”. La visita segue gli allarmi delle autorità militari ucraine, secondo cui Mosca starebbe preparando una nuova offensiva, dopo la serie di sconfitte subite nei mesi scorsi, che hanno costretto le sue forze a ritirarsi da molte aree, in particolare dalla città di Kherson. Il generale Valerij Zaluzhnyi, sostiene che il Cremlino potrebbe attaccare all’inizio del nuovo anno, grazie ai 200 mila soldati mandati al fronte dopo la mobilitazione parziale decisa da Putin.

Intanto domani Putin ha in programma una visita a Minsk, dove incontrerà il suo fedele alleato, il presidente bielorusso Alexander Lukashenko.

Comunicati

Tensioni in Kosovo con la popolazione serbia


In tutto il nord del Kosovo, in una situazione di alta tensione interetnica, prosegue la protesta della locale popolazione serba, con barricate e blocchi stradali, decisa dopo l’arresto di un ex agente serbo della polizia kosovara. Nelle zone più sensibili sono presenti pattuglie della Forza Nato (Kfor) e della missione civile europea (Eulex). Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha convocato una riunione d’emergenza del Consiglio per la sicurezza nazionale.

Comunicati

Perù, destituito e arrestato il presidente Castillo


Il parlamento del Perù ha destituito il presidente Pedro Castillo con 101 voti a favore, sei contro e dieci astensioni. A seguito della destituzione, il Parlamento ha convocato la vice presidente Dina Boluarte. In giornata Castillo aveva sciolto il Parlamento e ha dichiarato lo stato di emergenza in quello che i media peruviani hanno denunciato come «un golpe» in atto nel Paese. Il Parlamento doveva discutere una nuova mozione di sfiducia per «incapacità morale» nei confronti di Castillo. L’iniziativa, la terza in un anno, era stata promossa dall’opposizione di centrodestra ed era stata accolta nell’ordine del giorno con 73 voti a favore, 32 contrari e sei astensioni.

Comunicati

L’Iran sospende la Polizia morale


Le autorità di Teheran hanno abolito l’istituzione della “Polizia della morale”, introdotta da una legge vecchia di decenni che prevede, tra le altre cose, l’obbligo per le donne di coprirsi la testa per rispetto ai precetti dell’Islam. Il procuratore generale iraniano Mohammad Jafar Montazeri ha riferito che sia il Parlamento sia la magistratura sono al lavoro sulla questione.
Ma, al momento, la tv di Stato iraniana nega.

Comunicati

In Cina popolazione stremata dal controllo sanitario, la strategia Zero Covid fa più morti del virus


In Cina proseguono i lockdown, i test di massa obbligatori e le limitazioni della mobilità. Ma l’insofferenza ormai dilaga. La strategia Zero Covid colpisce chiunque, dal migrante alla borghesia urbana, zoccolo duro del consenso politico. E le disuguaglianze aumentano. Nella notte di sabato centinaia di persone hanno marciato lungo Urumqi Road, a Shanghai. Con il Covid le restrizioni sono arrivate a colpire tutti. Diverse città del Xinjiang sono isolate da oltre 100 giorni a causa del coronavirus: proprio le rigide misure contenitive pare abbiano ostacolato le operazioni dei vigili del fuoco per domare un incendio che ha provocato la morte per intossicazione di almeno 10 persone. Una tragedia che non ha lasciato insensibili i connazionali. Nelle ultime ore manifestazioni di dissenso sono deflagrate in varie parti del paese.

Commentari · Comunicati

La Turchia bombarda Kobane


L’aviazione turca ha effettuato diversi bombardamenti aerei a Kobane nel nord della Siria. Per Ankara sarebbe la risposta all’attentato di Istanbul il 13 novembre. La Turchia ha condotto finora tre incursioni nel nord della Siria contro la milizia curda siriana YPG, che si dice sia un’ala del PKK. Il presidente Tayyip Erdogan aveva precedentemente affermato che la Turchia potrebbe condurre un’altra operazione contro l’YPG.

Le motivazioni, in ogni caso, sono ridicole, visto che il PKK non ha rivendicato l’attentato e che ci sono forti sospetti che la cattura della donna sospettata sia una messinscena e che non si è svolto alcun processo.

Commentari · Comunicati

Istambul: attentato, 6 morti e 81 feriti. I turchi sanno già chi è stato


Paura a Istanbul dopo un’esplosione in pieno centro. Il bilancio è di almeno sei morti e 81 feriti, di cui due gravi. È successo nell’isola pedonale di via Istiklal Caddesi. Le autorità di Ankara, fin da subito, hanno seguito la pista terroristica e il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha parlato di vile attentato. La dinamica dell’attentato non è ancora chiara. Stranamente si è parlato prima di “donna kamikaze” e successivamente si è arrestata una donna che avrebbe già confessato di essere del Pkk. La dinamica delle indagini è perlomeno oscura.

Comunicati

Corea del Nord lancia 17 missili


La Corea del Nord ha lanciato almeno 17 missili aria-superficie di precisione a corto raggio (Srbm) nel mar del Giappone, uno dei quali ha volato attraverso il suo confine marittimo de facto con la Corea del Sud. La provocazione di Kim Jong Un è arrivata come protesta per le manovre aeree su larga scala che da cinque giorni Corea del Sud e Stati Uniti stanno effettuando.

Comunicati

Liz Truss si dimette: record negativo


Liz Truss, 47 anni, ne è da oggi il simbolo più clamoroso e imbarazzante: oggi è stata costretta ad annunciare le proprie dimissioni appena 45 giorni dopo l’arrivo a Downing Street in sostituzione di Boris Johnson.

Il disastro è cominciato con il mini-budget ultra conservatore del 23 settembre, con tagli alle tasse dei più ricchi, che ha provocato un crollo della sterlina. Dopo appena 10 giorni, il 3 ottobre Liz Truss è stata costretta revocare il provvedimento