Paesi fantasma e villaggi abbandonati parte XIX: dintorni di Montoggio


Dossier Villaggi fantasma Parte XIX
I dintorni di Montoggio e Casella (provincia di Genova) sono particolarmente ricchi di villaggi abbandonati o semiabbandonati, a causa della presenza, fin dagli anni 60, di piccole indutrie, per non parlare della raffineria della poco lontana Busalla.
Tra i diversi villaggi del comune di Montoggio abbiamo Campoveneroso (vedi Parte VIII), Feto, Chiappa, Castiglione, Buse’, Salice, Case di Brugnosecco, Case Axia, Veixe, Fregae, Fasciou, Fregaiasse, Assereto, eccetera, alcuni di essi sono ancora abitati e in lieve rinascita. Tra questi presentiamo i tre più esemplificativi, tra le categorie dei borghi rinati (o mai veramente morti) e in ricostruzione, quelli in cui vi sono case quasi perfettamente conservate con tanto di suppellettili, e il caso opposto di borghi non solo completamente abbandonati, ma anche vandalizzati.
Questi sono Castiglione, paese in ricostruzione ormai da diversi anni, Buse’, protetto da un roveto e Assereto, con tracce di riti satanici.

Cartello prima di Castiglione

Cartello prima di Castiglione


Castiglione si trova in Alta Valle Scrivia tra Montoggio e Laccio, già all’ingresso della strada per conduce alle due frazioni (Inferiore e Superiore) c’è un cartello che indica il “promotore della rinascita di Castiglione”, già 13 anni or sono. Le case sono ricostruite in stile rustico, rispettoso dell’ambiente e della storia locale.
Castiglione Inferiore

Castiglione Inferiore

Chiappa

Chiappa


Buse’ si trova poco dopo Chiappa, nel versante opposto dell’Alta Valle Scrivia, ma per raggiungerlo bisogna superare un impenetrabile roveto, naturalmente aggirando l’ostacolo lungo i boschi, senza alcun sentiero. Questo ostacolo normalmente insormontabile è la salvezza del borgo. Questo perché siamo ormai abituati a vedere, anche in montagna (ho visto personalmente bivacchi vandalizzati sia sulle Apli che sugli Appennini), non solo incuria e mancanza di rispetto, ma anche veri e propri danni.
Buse'

Buse’

A Buse’ è possibile vedere ancora una antica stufa e altre suppellettili, ma soprattutto è uno dei pochi villaggi che ha una data di “morte”. In una casa (costruita, come dice un cartello sgrammaticato perché scritto dai contadini stessi, il 26 giugno 1810) infatti, c’è ancora una cucina lasciata così come era quando era abitata, con bottiglie, contenitori di caffé, sale, olio. Un giornale nemmeno sfogliato (insieme ad altre pubblicazioni) ci dice che l’ultimo abitante ha lasciato il paese nel dicembre 1978. Quindi uno dei casi più tardi di “morte” di un paese, in quanto gli abbandoni maggiori si verificano tra la fine dell’Ottocento e gli anni Cinquanta.
Buse'

Buse’


Per un certo verso mi sento in colpa a pubblicare in rete queste notizie, ma sono convinto che chi cerca queste notizie sia normalmente una persona che ama l’ambiente e la storia e non ha nessuna intenzione di fare danni o rovinare la perfetta istantanea di uno squarcio di vita contadina degli anni Settanta. E quindi invito i cacciatori del posto a non tagliare i rovi per questo motivo.
Gazzetta Sportiva del 24 dicembre 1978 a Buse'

Gazzetta Sportiva del 24 dicembre 1978 a Buse’

Scarpa ad Assereto

Scarpa ad Assereto

Scritte sataniche ad Assereto

Scritte sataniche ad Assereto


Perché arrivando ad Assereto, per esempio, tra Montoggio e Casella, dopo un lungo sentiero che dal paese ancora abitato Fregaiasse fa il giro della valle, si possono vedere tracce di riti satanici (probabilmente solo goliardici, ma poco cambia), che sono segno del pericolo del vandalismo.

Paesi fantasma e villaggi abbandonati Parte II


Dossier Villaggi fantasma Parte II.
Continuiamo la rassegna dei borghi fantasma nel Centritalia e nel Norditalia.
Lazio
– Tolfaccia, vicino ad Allumiere.
– Monterano, feudo abbandonato in seguito al saccheggio dell’esercito francese del XVIII secolo, è una cittadella vasta e spettacolare con la vegetazione che entra nelle dimore abbandonate ancora intatte e nei palazzi signorili.
– Galeria Vecchia, cittadina distrutta dalla peste, nei cui dintorni sono state trovate le fosse comuni degli appestati. Spettrale, buia, luogo di ritrovo per messe nere.
– Ninfa, natura bellissima ed incontaminata;
– Monte Follettoso, vicino a Roccagiovine;
– Fontefredda, vicino a Fiamignano.
– Rocchettine in Sabina, di fronte al paese di Rocchette.
Toscana
– Rocca San Silvestro, nel comune di Campiglia Marittima è un villaggio fantasma medioevale fondato nel X-XI secolo, dalla famiglia dei Della Gherardesca e morto insieme alle miniere di rame e piombo argentifero che lo circondano, il cui sfruttamento è iniziato in epoca etrusca. Il villaggio è oggi visitabile nell’ambito del Parco minerario di San Silvestro.
– Buiano, nel comune di Bagni di Lucca, paese di circa 50 case, completamente abbandonato.
– Fabbriche di Careggine, abitato sgomberato nel XX secolo a causa di una diga il cui bacino sommerse il villaggio ancora intatto. Fino allo scorso secolo, con cadenza variabile tra i 4 e i 6 anni, l’invaso veniva svuotato per ispezionare la diga e il paese riaffiorava, attirando turisti e vecchi residenti per vivere un’esperienza unica al mondo. Questo “miracolo” oggi non è più in programmazione grazie all’ausilio di sonde e moderni sistemi di monitoraggio.
– Col di Favilla, nel comune di Stazzema che ha visto diminuire drasticamente la popolazione verso gli anni Sessanta del 1900 in seguito alla costruzione di una strada alternativa che ha definitivamente isolato il paese dai traffici commerciali.
– Formentare, nel comune di Zeri (Massa Carrara), antico alpeggio per i pastori che d’estate portavano il bestiame in alta quota.
– Toiano (Pisa), situato in una zona di notevole interesse paesaggistico, tra le morbide verdi colline pisane e i calanchi di sabbia che sconfinano nelle balze della zona intorno a Volterra.
– Poggio Santa Cecilia, frazione di Rapolano Terme (Siena).
– Bivignano nel comune di Arezzo, vecchio borgo agricolo nei pressi di Palazzo del Pero che conserva una chiesa molto bella e i resti di un castello.
– Calbi, borgo alle falde del monte Lignano.
Umbria
– Umbriano è una fortezza attualmente abbandonata ubicata nel comune di Ferentillo (Terni). Essendo in una zona sprovvista di collegamenti stradali con la Valnerina e di attrattive economiche nel secondo dopoguerra avvenne un progressivo spopolamento e dal 1950 risulta essere completamente abbandonato.
Liguria
– Il vecchio borgo di Balestrino (Savona), abbandonato nel 1963 per un dissesto idrogeologico. Il fascino del borgo fantasma ha portato un discreto turismo escursionistico in zona, ed è stato anche set cinematografico del film Inkheart – La leggenda di cuore d’inchiostro.
– Lavazzuoli, frazione del comune di Valbrevenna in valle Scrivia, abbandonato negli anni Sessanta e recentemente recuperato.
– Canate, frazione del comune di Davagna.
– Noci, frazione del comune di Montoggio
– Assereto, frazione del comune di Casella.
– Cravarezza, frazione di Calice Ligure, abbandonata agli inizi degli anni Sessanta a seguito della chiusura di un’importante miniera e per l’isolamento dalle località principali. Attualmente l’unico edificio ancora utilizzato è una piccola cappella, mentre rimangono in piedi ancora numerosi ruderi, tra cui una taverna e parte della miniera stessa.
Piemonte
In val Borbera in Provincia di Alessandria ci sono sette borghi, tutti abbandonati nel corso degli anni Sessanta, tranne uno:
– Rivarossa, frazione di Borghetto di Borbera.
– Avi, frazione di Roccaforte Ligure.
– Camere Nuove, frazione di Mongiardino Ligure.
– Connio Vecchio e Chiappato, frazioni di Carrega Ligure.
– Ferrazza, frazione di Carrega Ligure, recuperata negli anni Novanta.
– Reneuzzi, frazione di Carrega Ligure, legato alla presenza di fantasmi, a seguito della storia, di una giovane coppia degli anni Cinquanta, forse l’unica in grado di avere ancora figli in paese. I due non sono ancora sposati e la ragazza comunica al compagno di avere preso la decisione di lasciarlo e abbandonare il paese per andare a cercare il lavoro a fondo valle. Il ragazzo reagisce male: la rapisce e la porta nei boschi. Allarmati, gli altri abitanti corrono a cercarli. Viene trovata solo la ragazza, morta, forse uccisa con un colpo di roncola. Pochi giorni più tardi un cacciatore troverà anche il corpo dell’uomo, che nel frattempo si è suicidato.
– Villa Buona Ceresole, borgata di Moretta (Cuneo)
– Leri Cavour, frazione di Trino (Vercelli)
Lombardia
– Consonno, frazione del comune di Olginate (Lecco).
– Savogno, paese senza collegamento stradale e raggiungibile solo attraverso sterrati e mulattiere in Valchiavenna. Inevitabilmente il destino del villaggio si è compiuto verso la metà degli anni ’50, quando civiltà e progresso hanno isolato questo borgo montano che ancora oggi si è conservato molto bene offrendo spunti interessanti agli amanti del trekking.
– Il borgo del Canto, sito sulle colline fra Sotto il Monte, Carvico e Pontida (Bergamo). L’antica contrada, abitata fino agli anni ’50, giace oggi in uno stato di totale abbandono e decadenza, nonostante i tentativi di recupero e la costruzione di alcuni nuovi edifici negli anni 2000.
Veneto
– California, frazione di Gosaldo, così chiamato dal nome dell’osteria intorno alla quale era sorto. A sua volta questo nome era un riferimento allo Stato americano della California, per analogia tra la corsa all’oro e le attività estrattive di mercurio che costituivano l’economia del paese. California fu gravemente colpita dall’alluvione del 1966 e abbandonata.
– Costanziaco.
– Ammiana.
Friuli-Venezia Giulia
– Palcoda, frazione del comune di Tramonti di Sotto.
– Cja Ronc, borgo medioevale abitato fino al 1890-1900 circa, che si trova in cima ad una collina che domina la frazione di Campeis, nel comune di Pinzano al Tagliamento. Il paese si sviluppa intorno ad una piazza e possedeva anche un cimitero ed una pieve propri. Attualmente il borgo versa in un grave stato di abbandono; la vegetazione ha reso quasi del tutto impossibile l’accesso, già impervio a causa del carattere franoso della montagna e nel tempo ha subito numerosi atti di sciacallaggio. Ai piedi della collina su cui sorge, si trovano alcune case di recente costruzione, tutte disabitate.
– Pozzis, il primo centro abitato che il torrente Arzino incontra dopo la sorgente, nel comune di Verzegnis. Il paese si spopolò definitivamente nei primi anni Sessanta, a causa dell’emigrazione. Si trova in una posizione estremamente isolata, ma oggi non è difficile raggiungerlo. Il paese salì agli onori della cronaca nel 1999, a causa di un omicidio che si consumò nel posto.
Rileggi dalla Parte I.
Vai alla Parte III.