L’Autunno americano si scarica dal Web


Qualcuno l’ha già chiamato “autunno americano”, per contrapporlo alla primavera araba.
I manifestanti si chiamano “Occupy Wall Street” e hanno in comune con i corrispettivi arabi, l’uso creativo del Web (soprattutto dei social network) per fare da cassa di risonanza.
Con Twitter si diffondono velocemente le comunicazioni, con Facebook si possono seguire gli sviluppi e le immagini, con Flickr vedere le fotografie delle manifestazioni.
Ancora una volta, il modo di pensare del web scende in strada, e non più pre bizzarri incontri di massa a scopo ludico o artistico, ma questa volta per vere proteste politiche e sociali.
Dall’URL (indirizzo internet) si passa all’IRL (In Real Life), il web-pensiero fa il download e invade la realtà fisica.