• FAN su Facebook

  • Seguici su Twitter

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Unisciti ad altri 777 follower

  • Archivi

  • Nazione Oscura Caotica

    Afghanistan Africa al qaeda ambasciata Arabia Saudita arte attentati attentato Barack Obama Bashar al Assad Belgio boko haram Brasile Cina colpo di stato Corea del Nord Corea del Sud Coronavirus Covid-19 curdi Donald Trump Egitto elezioni europa fantascienza flush.art francia francobolli gazzetta ufficiale di trantor Germania giappone Grecia guerra guerra civile Guerra fredda Happy new eon India indipendenza Iran Iraq IS Isis Israele italia jihad Kim Jong Un kipple officina libraria krell libia Livorno Lukha B. Kremo mail4freedom Mail4Freedom Begins mail art micronazione micronazioni Milano Mosca musica nato nazione oscura caotica neorepubblica di torriglia Nicolás Maduro nigeria odrz onu Pakistan Palestina papa primavera araba proteste Pyongyang Recep Tayyip Erdogan referendum Regno Unito rivolte Russia sandro battisti Siria Spagna Stati Uniti strage talebani terrorismo terrorismo islamico torriglia tracce sonore Turchia Ucraina Ue Ungheria Unione Europea Usa VAticano Venezuela vittore baroni Vladimir Putin Washington WhereIsKremo Yemen
  • Avviso

    Controvoglia, siamo obbligati a seguire le illuminanti decisioni fatte in data 8 maggio 2014 dal garante per la protezione dei dati personali, per cui si avvisano gli sprovveduti lettori che questo sito si serve di cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto se malauguratamente proseguite con la navigazione siete avvisati: prestate automaticamente il consenso all’uso dei cookie anomimi. Qui potete trovare la gestione della privacy e dei cookie da parte di Automattic (la società che gestisce la piattaforma WordPress.com): Privacy Policy. Ma voi non vi fideretete del tutto, quindi vorrete leggervi la fantastica pagina con l'Informativa Estesa. A quel punto siete ancora in tempo: chiudete tutto e disdicete internet, perché evitare cookie anonimi come questi è praticamente impossibile e quindi questo avviso completamente inutile.

Birmania: militari sparano sulla folla


Tre manifestanti sono in condizioni critiche dopo essere stati colpiti da proiettili sparati dalle forze dell’ordine sulla folla durante le proteste di ieri contro il colpo di stato militare, mentre negli ultimi giorni diversi giornalisti sono stati arrestati.

L’ambasciatore birmano all’Onu, Kyaw Moe Tun, critica il golpe e viene licenziato


I militari al potere in Myanmar hanno licenziato l’ambasciatore all’Onu, Kyaw Moe Tun, dopo il discorso tenuto davanti all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, nel quale ha esortato la comunità internazionale a usare ogni mezzo necessario per contrastare  i militari e contribuire a ripristinare la democrazia.

Il governo militare lo ha licenziato accusandolo di aver tradito il Paese e di aver parlato a nome del governo destituito, che non lo rappresenta.

Birmania, proteste contro il golpe


Bloccati Internet e i social network, arrestato anche il professore australiano Sean Turnell, grande amico e a lungo consigliere economico del Premio Nobel Aung San Suu Kyi. Un grande contingente di polizia antisommossa ha bloccato le strade vicine, con due camion con cannoni ad acqua parcheggiati sul posto, mentre almeno altri due gruppi di manifestanti marciavano a sud verso la Pagoda di Sule, portando poster di Aung San Suu Kyi e del presidente Win Myint, per chiedere il loro rilascio.

Bangladesh: migliaia di profughi rohingya su un’isola remota?


Il Bangladesh si prepara a trasferire migliaia di profughi di etnia rohingya nell’isola di Bhasan Char, a largo delle coste del paese nel golfo del Bengala. I rohingya sono un gruppo etnico di religione musulmana fuggito dal Myanmar inmassa (730mila), quando la repressione guidata dai militari birmani li costrinse a rifugiarsi in Bangladesh, quasi tutti in campi profughi.

Malala Yousafzai bacchetta Aung San Suu Kyi per le violenze sui Rohingya


Tensione tra i due premi Nobel per la pace: la giovane pakistana Malala Yousafzai esorta la leader birmana Aung San Suu Kyi a prendere posizione e a esprimersi contro il trattamento nei confronti dei musulmani Rohingya in Myanmar. Non è l’unico attacco che San Suu Kyi ha ricevuto in questi giorni per un silenzio che suona come un avvallamento delle violenze contro i Rhoingya. Già era circolato un appello da parte di altri vincitori del Nobel per la pace. E il ministro degli Esteri britannico Boris Johnson.

Malala-Yousafzai

Malala Yousafzai

Aung-san-suu-kyi

Aung San Suu Kyi

Nobel alla Aung: in Birmania è caos


Assegnato il Premio Nobel per la Pace a Aung San Suu Kyi, la leader dell’opposizione birmana, di cui avevamo già parlato agli inizi di aprile. Mentre continua il suo tour europeo, primo viaggio all’estero dopo 24 anni di isolamento, in Myanmar (la nuova Birmania) esplodono le violenze etniche e religiose: sono 71 le vittime che si registrano nell’ultima settimana nello Stato di Rakhine, nella zona occidentale del paese, e che vede contrapporsi fedeli musulmani e buddisti.
Pare che il riconoscimento del Nobel e la considerazione dei paesi occidentali della Aung al pari di un capo di Stato, renda debole il governo comunista del Myanmar agli occhi dei cittadini, e come conseguenza si riaprono le divergenze religiose ed etniche, come successe in India all’inizio dell’indipendenza.
Come al solito gli uomini (religiosi e non) hanno bisogno di dittature per non ammazzarsi tra di loro.
Complimenti a musulmani e buddisti.

La Birmania sta rinascendo?


In Myanmar (nome moderno della secolare Birmania, appioppato dal regime comunista negli anni ’90), è stata eletta Aung San Suu Kyi, leader del Partito Democratico e Premio Nobel per la Pace nel 1991. La donna aveva già ottenuto la maggioranza nel Parlamento nel 1990 e per questo era stata arrestata dall’esercito (che spalleggiava la dittatura del governo) e reclusa fino al 1995 e nuovamente dal 2000 al 2002 e dal 2003 al 2010, per un totale di 13 anni di carcere.
Dopo una serie di elezioni-farsa, con le elezioni del 2 aprile del 2012 San Suu Kyi ottiene un seggio al Parlamento.
La donna ha definito “l’avvento di una nuova era” la sua elezione in Parlamento e il trionfo della Lega nazionale per la democrazia. La leader dell’opposizione birmana ha tenuto un discorso nel quartier generale del partito, di fronte ai sostenitori che hanno festeggiato per tutta la notte i risultati elettorali.