In Turchia Erdogan finge che sia una questione di alberi


Istambul, dura da 15 giorni l’occupazione di piazza Taksim di dissidenti (studenti, operai, artisti) contro lo smantellamento del parco adiacente per la costruzione di un centro commerciale.
Il premier Recep Tayyip Erdogan ha ricevuto una delegazione degli occupanti accettando di non far abbattere gli alberi e dando un ultimatum di un altro giorno per sgomberare l’area.
Ma prima del termine la polizia è entrata nell’area verde di piazza Taksim, facendo uso massiccio di gas lacrimogeni contro i dimostranti. Nuove manifestazioni nella notte anche ad Ankara e Smirne. Centinaia di feriti e un numero imprecisato di arresti. L’azione atroce rivela il “gioco” di Erdogan, che ha perfettamente compreso la vera natura della protesta, che pha un carattere antigovernativo. Conferma del fatto è il comizio odierno di Erdogan, una prova di forza del governo, destinata a creare tensione.