Muore Ettore Borzacchini, uomo di satira livornese


Improvvisa morte nel primo pomeriggio di domenica 7 settembre di Giorgio Marchetti, celebre con il nome di Ettore Borzacchini. Architetto, scrittore, umorista, da anni scriveva sul Tirreno articoli di colore e di satira.
Per anni è stato una delle firme di punta de Il Vernacoliere di Livorno ed è stato collaboratore di Comix.
Ha pubblicato un’infinità di opere tra cui ricordiamo: Il Grande Milvio (1988); La metamorfosi del bigné (1992); Il Borzacchini Universale (4 volumi: 1995, 1998, 2002, 2006); Il Galateo del Borzacchini (2005); La villeggiatura del Borzacchini (2006); Le automobili del Borzacchini (2008).
Il presidente di “Livorno Città Aperta” saluta un grande uomo di cultura e satira livornese, e parafrasa un pensiero di Paolo Virzì (regista livornese): sono tanti gli uomini di cultura di Livorno, ma sono quasi tutti in esilio e quando tornano nella loro città sono tristi nel vederla degradata e immersa in una cultura di ignoranza compiacevole di se stessa.