Covid-19: oltre 300mila vittime


In alcuni Paesi l’epidemia è in netta recessione, ma non in tutti. Al momento le vittime accertate hanno superato le 300mila e i contagiati individuati sono quasi 4 milioni e mezzo in tutto il mondo.

Covid-19: 2 milioni di contagi confermati e 150000 morti


Al 17 aprile, la pandemia da Covid-19 ha provocato nel mondo 150.000 decessi e al momento sono confermati quasi 2.200.000 contagiati. Ancora difficiel fare stime previsionali, ma è probabile che le cifre possano raddoppiare.

Covid19: 1 milioni di contagi, più di 50000 morti


Al moemnto in cui scriviamo sono registrati 1.033.000 contagiati e 54.000 decessi per Covid-19. I maggiori contagi negli Stati Unti, seguiti da Spagna e Italia. Il maggior numero di decessi, al momento, in Italia, seguita da Spagna e Francia, ma gli andamenti ci dicono che probabilmente gli Stati Uniti supereranno i decessi dell’intera Europa.

A Wuhan probabilmente i morti per Covid-19 non sono 2500, ma più di 40000


Fin dallo scoppio dell’epidemia il governo cinese è stato accusato di nascondere informazioni alla comunità scientifica internazionale e le vere cifre dell’epidemia, visto anche il cambio in corsa dei criteri per contare il numero di vittime. Mentre la Cina torna alla normalità e registra casi di contagio “di ritorno”, un’inchiesta del quotidiano cinese Caixin  ritiene che i morti a Wuhan possano essere stati molti di più rispetto a quanto dicono le cifre ufficialii. La stima è di 42mila morti. A innescare il dubbio anche la testimonianza di un camionista che ha riferito di avere portato alla pompa funebre di Hankou un carico di 2500 urne per due giorni consecutivi, quindi 5mila in 48 ore.

Coronavirus: prove tecniche di controllo sociale


Sull’epidemia di Covid-19, tra tutte le cose serie e non serie dette in rete o in real life, pare che l’unica cosa sensata l’abbia pubblicata Il Manifesto, oggi qui: https://ilmanifesto.it/come-disciplinare-una-societa-dopo-averla-influenzata/?utm_medium=Social&utm_source=Facebook#Echobox=1582899241.
Ribadiamo il concetto – da noi accennato in un post del 24 gennaio (più di un mese fa, in seguito gli eventi in Cina) – alla luce del ceppo italiano. Il Covid-19 o “nuovo coronavirus” è un virus nuovo per l’uomo (quindi che non riscontra anticorpi nell’uomo) che potrebbe anche durare anche mesi e/o fino all’arrivo del vaccino (e magari negli anni ce lo prenderemo in molti), fa morti (come tutte le malattie principalmente tra chi ha già altre patologie) ed è più grave dell’influenza stagionale. Detto questo non stiamo parlando di un’epidemia di ebola, ricordiamo che la mortalità varia dal 2 al 3% e che la contagiosità è di poco più di 2 (per confronto il morbillo ha circa 15).

Si può quindi considerare più grave perché manca i vaccino perché ha un livello preoccupante di letalità, ma non è certamente proporzionale alle misure di sicurezza prese prima in Cina e poi in Italia. In Italia, in particolare, abbiamo avuto dei morti di meningite, che non hanno smosso le istituzioni in questo modo, per fare un esempio.
Qui parliamo di intere città isolate, locali chiusi la sera (come se la sera fosse più contagiosa) fino al top della regione Marche che chiude tutto senza nemmeno un positivo. Questa non è scienza, non è medicina, sono «lezioni di pedagogia disciplinare di massa», prove tecniche di controllo sociale, certamente aiutate dal clima apocalittico creato da quei decerebrati di giornalisti sovranisti che conosciamo bene.

E termino citando sempre il Manifesto: «si tratta di iniziare a interrogarci tutte e tutti assieme se e per quanto tempo continueremo a consegnare le nostre esistenze e la loro dignità a chi, una volta utilizzando la trappola del debito per respingere ogni rivendicazione di diritti e l’altra utilizzando un’epidemia per disciplinare l’intera società, ci chiede di interiorizzare la solitudine competitiva come unico orizzonte esistenziale.»

Epidemia di ebola in Congo


L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato l’epidemia di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo un’emergenza globale, avvertendo di un “alto rischio” di diffusione a livello regionale. La provincia più colpita è quella del Nord Kivu e del capoluogo Goma.

Epidemia di Ebola in Congo: 200 morti, chissenefrega, in Puglia ci sono 8 malati di morbillo


Nelle ultime settimane almeno 200 persone sono morte di ebola nella Repubblica Democratica del Congo. Il Ministero della Salute del paese ha detto che i casi di ebola di questa nuova epidemia, sono 291. Circa metà dei casi sono stati a Beni, una città di 800mila abitanti nella provincia del Kivu Nord.

Nel frattempo in Italia se ne parla pochissimo e soprattutto la notizia è assente dai Tg nazionali, ma è presente quella di un'”epidemia” di morbillo a Bari di ben 8 (otto) casi. Nonostante restiamo convinti dell’importanza dei vaccini, ci pare evidente che l’informazione sia, come sempre, interessata e pilotata dai grandi sponsor.