11 settembre? No, strage di africani


In Nigeria Boko Haram, la formazione terroristica di stampo integralista islamico (ne abbiamo già parlato a giugno, novembree dicembre), fa altri 17 morti cristiani, in un attentato a Mubi, nel nord del Paese. I media per ora sottovalutano, finché questa formazione non avrà i soldi sufficienti per colpire il cuore dell’Europa, magari l’Italia e il Vaticano. Noi vi abbiamo avvisati. Ma a voi, sotto sotto, non frega un cazzo.
In Siria altri 25 morti a Damasco, vicino a una scuola (i bambini sono più facili da uccidere), qui i media sono più attenti: hanno compreso la posizione strategica della Siria e come potrebbe modificare i rapporti dell’area e magari far scoppiare una guerra che coinvolga anche l’Iran. Ma, voi, abituati a guerre al di là del’Adriatico e a soldati italiani che muoiono in guerra ogni mese, non vi spaventa niente.
Ma l’oscar alla migliore strage di questo periodo a cavallo tra 2011 e 2012 va al Sud del Sudan. In una decina di giorni ci sono 3141 morti, di cui 2182 donne e bambini nella nuova nazione da poco riconosciuta dall’Onu e da noi, Il Sud Sudan. Insomma, UN 11 SETTEMBRE QUASI TOTALMENTE IGNORATO DAI MEDIA DELL’INFORMAZIONE.
Circa seimila luo nuer, uno dei gruppi etnici dediti alla pastorizia, hanno raggiunto e attaccato diversi villaggi della contea di Pibor, terra della popolazione murle, una delle decine che compongono il complesso mosaico etnico della nuova repubblica del Sud Sudan, nata il 9 luglio scorso.
Inutile dire come ancora una volta le decisioni “astratte” dell’ONU siano ignorate dalle popolazione autoctone.
Ma, naturalmente, che cazzo ve ne frega a voi (europei) che state soppesando quanto le tasse vi faranno cambiare le vostre sacre abitudini quotidiane, voi (occidentali) che siete sconvolti per le vostre azioni in Borsa, a voi (italiani) che state pensando a calcolare l’IMU e ogni volta che accendete la Tv ascoltate la santa recita del “mantra dello Spread”? (Ossessione mediatico-economica, folle psicosi finanziaria odierna degna di un manicomio grande come una città)
Be’, che male c’è, direbbe qualcuno, Forse che gli Antichi Romani potevano occuparsi della caduta della civiltà Maya?
Il male è questo: se non ve ne siete accorti viviamo in una società cosiddetta globale, avete internet e potete chattare con un cinese, twittare con l’Egitto o leggere un blog della Libia. Le stragi che avvengono a migliaia di chilometri, grazie alla società globalizzata che in parte sicuramente vi piace, avvengono sotto casa vostra.
Solo che se i media vi chiudono la finestra, come fate a vedere i corpi maciullati che a voi piacciono morbosamente tanto?

*** La NeoRepubblica dà la fiducia “al pelo” a Monti


NEOREPVBBLICA DI TORRIGLIA
GOVERNO OSCVRO
QVESITO I

giorno 24 brumaio

* Siete favorevoli al Governo Tecnico Mario Monti?

Il Governo Oscuro ha votato così:

Fiducia Oscura al Governo Monti

Fiducia Oscura al Governo Monti

Commento: Il Governo Oscuro dà la fiducia al Governo Monti per 1 voto. Questo significa che approva il cambiamento italiano, ma tiene sotto esame e si riserva di ribaltare l’appoggio.
In particolare ci sono forti dubbi di alcuni ministri che hanno dato comunque la fiducia al governo, sostenendo a ragione che questo governo rappresenta un “sovrappotere europeo”. Ma la NeoRepubblica appoggia perché crede che comunque questo sovrappotere non sia al momento ancora così invasivo.
Tra le proposte alternative la possibile candidatura come Presidente del Consiglio d’Italia di Raffaella Carrà, alla guida di un governo non politico, non tecnico, ma aleatorio, probabilmente utile al pari di qualsiasi altro governo.

Per i pignoli: a differenza dell’Italia, gli astenuti sono considerati votanti. I non votanti sono chi non ha espresso alcun giudizio

La Lega Araba bacchetta la Siria: e l’Europa?


La Lega Araba sospende la Siria dalle attività dell’organizzazione a partire dal prossimo 16 novembre fino a quando il governo non metterà fine alle repressione interne. Lo ha reso noto il ministero degli esteri del Qatar, presidente di turno della Lega Araba.
Secondo il governo siriano, la decisione della Lega Araba di sospendere la Siria è illegale perché viola lo statuto e le regole interne della Lega. Lo ha affermato l’ambasciatore Yousef Ahmad, che sostiene inoltre che la decisione rappresenta inoltre l’elogio funebre dell’azione comune araba e dimostra che la sua direzione è subordinata ai programmi degli Usa e dell’Occidente.

Prima considerazione: sembra di sentir parlare Ahmadinnejad all’Onu: il governo siriano alza lo scudo dell’antioccidentalismo per difendere il proprio regime antidemocratico. Ridicolo.
Seconda considerazione: La Lega Araba (come l’Europa) prende in mano le sorti di un Paese non allineato. Se la Siria non fosse un regime ci sarebbe da preoccuparsi. Speriamo solo che l’Europa si evolva come organismo veramene democratico e che le decisioni siano prese dal Parlamento Europeo e non dalla Banca Centrale Europea.
(Quale arcana parola: Parlamento Europeo! Vi ricordate? Ci hanno fatto votare diverse volte i rappresentanti al Parlamento. Ci hanno mai fatto votare i dirigenti della BCE?)
Chi credete ci sia dietro le proposte di Lucas Papademos come premier in Grecia e Mario Monti in Italia?
Mi auguro che questi governi tecnici servano giusto per superare l’emergenza finanziaria, altrimenti dobbiamo inventarci un altro nome per queste “Tecnocrazie”.

Siamo tutti un po’ Gheddafi


Berlusconi bacia la mano di Gheddafi

Berlusconi bacia la mano di Gheddafi

Gheddafi morto

Gheddafi morente, ucciso dalle milizie ribelli libiche


>>>>>>>>>> È finita come doveva finire: ne avevamo già parlato in agosto, dicendo che Gheddafi aveva vinto la sua personale battaglia perché probabilmente sarebbe stato considerato “martire”.
Infatti, ieri, Gheddafi è stato ucciso dalle milizie ribelli libiche, ma non facciamo gli ipocriti: i mandanti sono la NATO e l’ONU, per quanto avrebbero voluto l’arresto e il processo, ma si sa (o si fa finta di non sapere?) la guerra è guerra, quindi i morti ci scappano a migliaia, anche dei più “eccellenti”.
Ecco l’accostamento di due momenti differenti della vita di Muammar Gheddafi, uno il 27 marzo 2010, l’altro ieri 20 ottobre 2011. Cosa è successo in questi 19 mesi? Il regime di Gheddafi durava da 42 lunghi anni, nell’ultimo anno ha visto inasprire il suo regime? No, è caduto trappola delle proteste (violente e sanguinose!) della primavera araba, appoggiate un po’ da tutto il mondo, Europa e Berlusconi compresi.
Queste due foto, accostate, vi fanno comprendere l’enorme ipocrisia delle persone che conducono i Paesi in nome della democrazia. Capita qui di parlare di Berlusconi, a causa della sua platealità, ma si può dire lo stesso di Nicolas Sarkozy, che ha voluto la guerra in previsione dei vantaggiosissimi contratti petroliferi tra la Francia e la Libia o di Angela Mekel (che secondo noi si sta mangiando le mani per non aver appoggiato la guerra contro la Libia).
Insomma, domandina a persone che prima ti baciano e poi fanno in modo di ammazzarti: perché in Libia s’interviene e in Siria no? Pochi contratti petroliferi? Poco sfruttamento in vista?
L’Europa si difende parlando di timore di destabilizzare l’area. Bene, allora conta di più un’area “stabile” che centinaia di morti ammazzati che protestano per la democrazia.
Da questa risposta si capisce che la motivazione non regge da sola. Esito: in Siria il governo può ammazzare i propri cittadini quanto vuole, tanto all’Europa frega poco, agli Stati Uniti zero, niente baciamano e niente aiuti.

Dimentichiamoci del Kurdistan. E loro ammazzano


Ieri mattina attacco dei separatisti curdi nel sud-est della Turchia: 24 uccisi e 18 feriti tra militari e poliziotti turchi.
I raid simultanei, rivendicati dal Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK), formazione terroristica di ispirazione maoista, hanno preso di mira alcune caserme dell’esercito e della polizia nei quartieri nel centro della città di Hakkari, a pochi chilometri dal confine con l’Iraq.
Un attacco che, aldilà di ogni giudizio, rivela la grave situazione in quei territori. Una situazione sottovalutata dall’Europa e dalla Turchia che nell’Unione Europea vorrebbe entrare senza rendersi conto dei gravi problemi che ancora l’attanaglia.
Ma oltre alla situazione del Kurdistan (a cavallo tra Turchia e Iraq), privato della propria indipendenza, non bisogna dimenticare la paradossale situazione di Cipro (divisa de facto in due Paesi, di cui quasi nessuno riconosce la sovranità di Cipro del Nord).
L’Europa sta giocando a un equilibrismo pericoloso: da un lato intraprende rapporti diplomatici con la Turchia, e condanna i terroristi curdi senza però prendere in considerazione soluzioni per la loro situazione, dall’altra non riconosce lo status di Cipro del Nord per non scontentare le ragioni della Grecia, che appoggia politicamente e non solo Cipro del Sud.

In ogni caso si penalizza l’autonomia e l’autodeterminazione dei popoli, che dovrebbe essere un principio fondamentale dell’Europa: si dovrebbe lavorare per l’indipendenza (o “autonomia” nell’ambito dell’Unione Europea, come quando parlavamo di Euskadi) di Curdistan e Cipro del Nord. Che facciamo? Ce ne freghiamo? E loro sparano.

I “mattoni” salveranno i “maiali”?


Tempo di acronimi spiritosi, ma anche rivelatori.
I maggiori Paesi in via di sviluppo (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) sono indicati come BRICS (Brick in inglese significa mattoni).
Mentre Portogallo, Italia, Grecia e Spagna (che sono i Paesi europei che sentono maggiormente la crisi e sono quasi considerati una zavorra dall’Europa) sono i PIGS: i paesi maiali!