Hugo Chávez muore nella Giornata dei Giusti


Il presidente del Venezuela Hugo Chávez è morto oggi 6 marzo, dopo una giornata di peggioramento delle sue condizioni di salute. Il ministro della Difesa venezuelano Diego Molero, ha assicurato che le forze armate sono schierate in tutto il Paese per garantire il rispetto della Costituzione.
Leader amato dal popolo e soprattutto dai contadini vanezualani, faceva parte del filone “bolivariano”. Anche se non mancava di ombre, il leader ha la sua importanza positiva nell’ambito politico del Sudamerica, e già si grida al complotto, cioè all’avvelenamento volontario. Chavez muore nella Prima Giornata dei Giusti per la Memoria comune d’Europa, (proposta l’anno scorso dall’associazione Gardens of the Righteous Worldwide, “Giardini dei Giusti di tutto il mondo”) che vuole ricordare tutti coloro che hanno combattuto i genocidi.
Interessante la dichiarazione per cui non ci possono essere classifche tra genocidi, poiché nessuno può essere migliore (o peggiore) di altri e quindi tutti vanno ricordati allo stesso modo: un monito a tutti coloro che esagerano o minimizzano il numero delle vittimea seconda del proprio interesse politico (soprattutto dell’Olocausto e dei Gulag sovietici), come già avevamo fatto notare durante la Giornata della Memoria del 2012 (vedi).