Italia: da Gomorra a Sodoma: il trionfo della “do”crazia


In Italia in questi giorni vi sono rivelazioni che non soltanto confermano certi incontri ludici e sessuali che coinvolgono il Presidente del Consiglio e altri politici, ma che si fosse instaurato un vero e proprio “sistema”, una specie di tangentopoli della politica e dello spettacolo, nel quale chi dà di più (soprattutto fisicamente) ottiene di più.
Anche con tutte le precauzioni del caso (visto che si sta celebrando un processo), sembra che gli stessi protagonisti non neghino del tutto i concetti centrali del sistema.
Il caso Tarantini, infatti, sembra coinvolgere anche il Festival di Sanremo, decennale kermesse della musica italiana, spesso di bassa qualità, coinvolgendo anche Belén Rodriguez.
Oltre alla collusione del mondo della politica con quello della spettacolo, una parte politica liberale (soprattutto quella che era Forza Italia e ora è il Polo delle Libertà) pare abbia interpretato la tanto esaltata “meritocrazia” in una sorta di disponibilità fisica e sessuale.
In pratica, un “chi la dà di più, avrà di più”, che ha portato un certa parte dirigente (della politica e dello spettacolo) a fondare, a fianco alla Gomorra descritta da Saviano, una vera e propria Sodoma.
E forse anche Nerone e Caligola sarebbero orgogliosi di far parte del circo berlusconiano.