Myanmar: l’esercito festeggia con una carneficina


Oggi si contano almeno 91 morti tra i manifestanti, e tra questi anche almeno due bambini, di 5 e 13 anni. I manifestanti sono scesi in piazza a Yangon, Lashio, Mandalay, Kyaukpadaung e Kyeikhto. Le vittime complessive della repressione hanno superato quota 400, tra le migliaia di civili che ormai da quasi due mesi manifestano sfidando la repressione della giunta militare..