• FAN su Facebook

  • Seguici su Twitter

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Unisciti ad altri 777 follower

  • Archivi

  • Nazione Oscura Caotica

    Afghanistan Africa al qaeda ambasciata Arabia Saudita arte attentati attentato Barack Obama Bashar al Assad Belgio boko haram Brasile Cina colpo di stato Corea del Nord Corea del Sud Coronavirus Covid-19 curdi Donald Trump Egitto elezioni europa fantascienza flush.art francia francobolli gazzetta ufficiale di trantor Germania giappone Grecia guerra guerra civile Guerra fredda Happy new eon India indipendenza Iran Iraq IS Isis Israele italia jihad Kim Jong Un kipple officina libraria krell libia Livorno Lukha B. Kremo mail4freedom Mail4Freedom Begins mail art micronazione micronazioni Milano Mosca musica nato nazione oscura caotica neorepubblica di torriglia Nicolás Maduro nigeria odrz onu Pakistan Palestina papa primavera araba proteste Pyongyang Recep Tayyip Erdogan referendum Regno Unito rivolte Russia sandro battisti Siria Spagna Stati Uniti strage talebani terrorismo terrorismo islamico torriglia tracce sonore Turchia Ucraina Ue Ungheria Unione Europea Usa VAticano Venezuela vittore baroni Vladimir Putin Washington WhereIsKremo Yemen
  • Avviso

    Controvoglia, siamo obbligati a seguire le illuminanti decisioni fatte in data 8 maggio 2014 dal garante per la protezione dei dati personali, per cui si avvisano gli sprovveduti lettori che questo sito si serve di cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto se malauguratamente proseguite con la navigazione siete avvisati: prestate automaticamente il consenso all’uso dei cookie anomimi. Qui potete trovare la gestione della privacy e dei cookie da parte di Automattic (la società che gestisce la piattaforma WordPress.com): Privacy Policy. Ma voi non vi fideretete del tutto, quindi vorrete leggervi la fantastica pagina con l'Informativa Estesa. A quel punto siete ancora in tempo: chiudete tutto e disdicete internet, perché evitare cookie anonimi come questi è praticamente impossibile e quindi questo avviso completamente inutile.

Tg fuori dal mondo: il gelo c’è, ma tra Usa e Russia!


Una tempesta di allarmismi e polemiche dell’italietta sta dipingendo gli schermi televisivi di bianco. Mentre l’Italia si danna per qualche centimetro di neve e ghiaccio (esteso in mezzo emisfero terrestre, in modo molto più grave), nessuno, dico nessuno, tra i Tg nazionali, ha parlato di un gelo molto più grave:
è praticamente riesplosa la Guerra Fredda.
Mentre le deficienze del giornalismo delle tv italiane ci fa del terrorismo meteorologico, in Siria muoiono centinaia di persone ogni giorno e l’Onu sta cercando di trovare una soluzione al problema.
Stati Uniti e Russia sono finiti in piena rotta di collisione sulla Siria. Dopo il veto opposto ieri all’Onu da Mosca e Pechino sulla risoluzione contro il regime di Bashar el Assad, Hillary Clinton ha annunciato che Washington intende bloccare il flusso di fondi e i rifornimenti di armi russi che raggiungono Damasco.
A me fa venire più i brividi questo che una bella rinfrescata invernale dell’aria, e voi?

Per i ministri: visto che la risoluzione Onu NON è stata approvata, non ci sarà una nostra ratifica. Aspetteremo che l’eventuale risoluzione sia approvata.

Il pressapochismo massmediatico sulla meteorologia


Si sa, uno degli argomenti da bar, dopo il sesso e (in Italia) il calcio, è la meteorologia.
Al bar diventano tutti meteorologi (assolutamente non “metero-” come ho letto anche su riviste ad alta diffusione), e cominciano a prevedere piogge, estati calde, inverni freddi, e via dicendo.
Inutile sottolineare l’ignoranza verso una materia, la meteorologia, molto complessa e che necessita conoscenze molto approfondite per prevedere anche se domani pioverà (senza averne nemmeno la certezza matematica).
Ma la cosa che non dovrebbe succedere è che i media di massa parlino alle nazioni come al bar.
“E’ finita” titolava un Tg nazionale 2 settimane fa, riferendosi all’estate, immagino vergognandosene subito dopo, viste le temperature estive di quest’autunno.
Ci sono ricaduti ieri, quando qualcuno ha addirittura chiamato l’ultima sera d’estate in previsione delle perturbazioni invernali.
Oggi la perturbazione passeggera è passata, ed è tornato il solleone, per dirla alla D’Annunzio.
Ma basterebbe capire che l’anticiclone delle Azzorre, responsabile del caldo non è, appunto, un ciclone, e quindi una perturbazione passeggera, ma una zona di alta pressione tenuta stabile da una zona di temperatura dell’acqua dell’Oceano Atlantico (fenomeno chaimatao El Niño) che tiene lontane le perturbazioni e che non si sa quanto potrà durare, ma sicuramente non finirà con la prossima pioggerella.
Quindi, niente fine dell’estate e inizio inverno, ma semplicemente una cosa che fingono di non conoscere, ma che ha già un nome: chiamasi autunno.
A noi sembra nell’era della tecnologia binaria, la società non preveda più “la stagione di mezzo”, ed è quindi la società stessa che non accetta più l’autunno, ma vuole, desidera una data di fine estate, che passi il testimone all’inverno.
E quindi “non esistono più le stagioni di mezzo perché sono ambigue, ci disturbano”.
Allora, cari pressapochisti massgiornalisti, vivete questo autunno in cui cadono le foglie gialle e ci sono le castagne e non rompete le balle con quest’ansia da fine estate!