Può essere colpevole un popolo? Sì, quando ha paura


Le elezioni vinte da Erdogan, per qualsiasi analista, sono un segno evidente del terrore che il Governo è riuscito a incutere al suo popolo.
Non può essere normale che un governo venga riconfermato dopo una lunga serie di sanguinosi attentati e di stragi con centinaia di morti da ogni parte del conflitto politico interno (turchi, curdi, ecc.).
All’indomani della vittoria elettorale, infatti, le autorità turche hanno arrestato due giornalisti della rivista Nokta. In cella anche 35 sostenitori di Gulen, nemico di Erdogan e leader del movimento Gülen, conosciuto più significativamente come Hizme.
Quando si colpiscono i media, l’ombra della democrazia non c’è più. Rimane la pura dittatura.
Una dittatura che il popolo turco non è stato in grado di allontanare con le urne, vinto da quel terrore che il governo è riuscito a incutere loro. Una dittutura che ora potrà superare solo con una guerra civile.