La civile Arabia Saudita rifiuta un seggio al covo d’ingiustizie dell’Onu


Eletta ieri tra i Paesi membri non permanenti del Consiglio di Sicurezza Onu, l’Arabia Saudita ha rinunciato oggi al proprio seggio. In un comunicato stampa diffuso dalla Spa, l’agenzia ufficiale saudita, il ministero degli Esteri ha spiegato le ragioni del Paese, sottolineando che le Nazioni Unite sono “incapaci di porre fine alle guerre e trovare una soluzione ai conflitti”.
I sauditi accusano l’Onu di “approfondire il divario delle ingiustizie fra i popoli”, di “violentare i diritti” e “diffondere scontri e guerre”. Il segno più evidente dell’inutilità delle Nazioni Unite, scrive Riad, è “la questione palestinese”.
Parole “sante”: ci chiediamo come mai allora l’Arabia Saudita monarchia teocratica assoluta (al pari del Vaticano), manchi dei più basilari diritti civili, soprattutto per le donne, che non solo non possono praticare lo sport (oscena e indegna pratica vietata da Teodosio alla fine del IV secolo), ma persino la patente, che le donne saudite sono costrette a prendere all’estero.
Viene da chiedere in che modo abbiano intenzione di risolvere la questione palestinese.
Cari sauditi, scendete dal vostro pianeta, per favore.

Arabia Saudita: più che primavera araba, è tardo inverno


Nelle ultime settimane Re Abdullah ha aperto l’università di Jeddah anche alle donne e nominato una saudita viceministro per l’istruzione femminile, ha distribuito incentivi in denaro ai giovani e il 25 settembre ha concesso il diritto di voto alle donne.
Un fatto che è stato visto dai mesia quasi come una rivoluzione.
Ma analizziamo meglio la situazione: in realtà il diritto di voto diventerà effettivo soltanto tra quattro anni, nel 2015, e quindi non in occasione delle elezioni precedenti a quella data (ce n’è stata una il 29 settembre).
Inoltre per il momento le donne ancora non possono guidare né fare la patente in Arabia Saudita.
La patente di guida è un chiaro elemento di libertà personale.
Nonostante ciò 45000 donne saudite hanno ottenuto la patente all’estero e il 40% delle automobili sono acquistate da donne.
Ma la donna alla guida è ancora vietata e molti consigliano di picchiare le donne che si mettono alla guida, come dimostra la condanna inflitta da un tribunale saudita a Shema, colpevole di essere stata colta in flagrante mentre guidava l’automobile nella città di Jeddah (tramite video su Youtube).
Siamo lontani anni luce dalla democrazia, ma speriamo che a un piccolo passo possa succedere un passo più grande, anche se siamo abbastanza pessimisti, visto il tipo di mentalità sociale e la mancanza di laicità dello Stato in questo “fedele alleato degli USA”. E, allora, quando conviene, la democrazia non si esporta più.