Scozia, sì a nuovo referendum sull’indipendenza


Il Parlamento scozzese ha votato a favore della richiesta di un nuovo referendum sull’indipendenza, da tenersi nell’autunno 2018 o nella primavera del 2019. Ha così approvato la proposta della prima ministra scozzese, Nicola Sturgeon.

La Nazione Oscura vuole Gibraltar come stato Indipendente dell’UE


Dopo il referendum vinto dal Brexit, per Scozia, Irlanda del Nord e Gibilterra si è verificato il paradossale risultato di aver votato in maggioranza per il Remain, dovendo però seguire le direttive del Regno Unito per l’uscita dall’Unione Europea. La Scozia ha già annunciato un nuovo referendum per l’Indipendenza dal Regno per restare in Europa, e sia in Irlanda del Nord che a Gibilterra si fanno discorsi analoghi.

La Spagna pensa di risolvere la secolare “macchia nera” di Gibilterra offrendo il protettorato a Gibilterra. La soluzione otimale, per la micronazione, sarebbe invece una piena indipendenza all’interno dell’Unione Europea, proprio come Malta.

mappa_gibilterra

L’Europa delle Indipendenze


Ecco come sarebbe l’Europa se tutti i territori indipendentisti fossero indipendenti: chi dice che sarebbe come un’Europa medievale mente sapendo di mentire, in quanto queste indipendenze si realizzerebbero tutte nell’ambito dell’Unione Europea, e non regni o imperi assoluti. Infatti sarebbe esattamente una comunità di Stati Indipendenti (come è l’UE) come adesso, con la differenza che i Paesi sarebbero di più, le tendenze autonomiste sarebbero soddisfatte e i particolarismi sociali e culturali rispettati.
Quello che ci auguriamo è che il rafforzamento delle autonomie e l’indipendenza dei piccoli territori vada a indebolire il Centralismo delle nazioni attuali, rafforzando la coesione degli Stati Uniti d’Europa. La cessione di sovranità dalle nazioni all’Europa rischia sicuramente di minare la democrazia, ed è quindi necessario che l’Europa elimini istituzioni a rischio democrazia come il MES (vedi) o le decisioni di Banche di singoli Paesi, ovvero è necessario da un lato che le istituzioni (o chi prende le decisioni e influenza la vita politica ed economica) siano votate e compartecipate da tutti gli Stati membri, dall’altro che non siano ignorate questioni riguardanti i particolarismi (da qui la necessità che un territorio indipendentista sia riconosciuto, in modo che abbia i propri diritti). Siamo tutti bravi noi europei ad auspicare l’autonomia del Kurdistan e del PKK, ma è giusto che anche Paesi come la Scozia, la Sardegna, i Paesi Baschi o la Catalogna abbiano le proprie istituzioni!
PS: come vedete, la Padania non esiste, si chiama Pianura Padana ed è un luogo geografico, i politici padani occupano poltrone a Roma e ci stanno benone, altro che indipendenza.

Independent UE

Independent UE

*** Scozia: sì all’indipendenza se il whisky sarà ancora migliore!


NAZIONE OSCVRA CAOTICA
GOVERNO OSCVRO
QVESITO XIX

giorno 0 complementaro 133

*La Scozia dovrebbe essere un Paese indipendente?

Il Governo Oscuro ha votato così:

Qvesito 19

Qvesito 19

Commento: il Governo Oscuro è favorevole l’Indipendenza della Scozia.
La votazione del Governo Oscuro sul referendum dell’indipendenza della Scozia è stata una delle più equilibrate svoltesi finora. Il testa a testa tra Indipendentisti e Menefreghisti è stato emozionante, con brindisi finale di whisky scozzese (virtuale).
Le motivazioni in campo sono troppe e diverse, il nazionalismo da un lato fa sempre paura, ma l’imperialismo e il commonwealth dall’altro forse sono strade da abbandonare (del resto la Scozia non uscirebbe dall’Europa), con l’indipendenza c’era la possibilità della nascita di nuove micronazioni: infatti nel mondo la maggior parte delle micronazioni nascono dagli intestizi/conflitti di sovranità tra l’Indipendenza di un Paese (per esempio l’Australia) e la sua “dipendenza” (anche se solo nominale) all’Impero britannico (alla corona). Molte micronazioni non accettano l’Indipendenza de facto di Paesi come l’Australia dalla sovranità britannica e si dichiarano “dipendenze dirette della corona” in quanto non esiste alcun accordo formale e scritto sull’Indipendenza totale dell’Australia (e di altri Paesi) dalla corona britannica.
Interpretando questa votazione del Governo Oscuro, si potrebbe dire che pensi: ok, sì a un’Indipendenza dalla corona britannica, nell’ambito dell’Europa Unita, se possiamo poi brindare insieme a voi con un ottimo scotch whisky, che rimane per noi un filino più importante dell’indipendenza!

Scozia a un passo dall’indipendenza!


Il 18 settembre 2014 in Scozia ci sarà il referendum per l’indipendenza dal Regno Unito.
Indetto dal Governo scozzese in seguito ad un accordo tra il primo ministro scozzese Alex Salmond e il premier britannico David Cameron, esso porrà agli elettori il seguente quesito: “Dovrebbe la Scozia essere uno stato indipendente?”
Non è la prima volta che succede: nel 1979 venne indetto un primo referendum sulla devoluzione, ma non ebbe successo perché non raggiunse il quorum dei votanti.
L’11 settembre 1997 gli elettori scozzesi approvarono il progetto di autonomia del governo laburista. Il testo fu approvato col 74,3% di sì. Venne costituito un parlamento autonomo secondo gli accordi di devoluzione politica. In un secondo referendum si chiede se dare al parlamento un limitato potere di imposizione fiscale. Il sì vince col 63,5% dei voti.
Questa volta i sondaggi prevedono la prevalenza per l’indipendenza.
L’esponente nazionalista Nicola Sturgeon: “I dati mostrano che sempre più scozzesi stanno arrivando alla conclusione che l’indipendenza è il modo migliore per proteggere il nostro sistema sanitario, la crescita economica, creare lavoro ed essere sicuri di non ereditare di governi conservatori per cui non abbiamo votato ma che invece in Scozia vadano al potere gli esecutivi che abbiamo effettivamente scelto”.
Nel frattempo in questi giorni, propria a causa di queste notizie, la Sterlina sta perdendo punti in tutte le Borse del mondo.
Siete pronti per il Regno Disunito?

Kingdom of Lundy


Dossier Micronazioni Parte VII.
Un altro esempio precursore di micronazione è il Regno di Lundy.

Prima versione della bandiera del Regno di Lundy

Prima versione della bandiera del Regno di Lundy


Lundy è la più grande isola del Canale di Bristol, situata a 19 km dalla costa del Devon, in Inghilterra,
Nel 1924 la famiglia Christie vendette l’isola insieme al contratto di posta e la Lérina a Martin Coles Harman, che si dichiarò re.
Anche se l’isola venne governata come un feudo personale, Harman non ha affermato di essere indipendente dal Regno Unito, e per questo motivo il Regno di Lundy può essere descritto come un precursore delle micronazioni odierne.
Nel 1929 Harman ha emesso due monete da mezzo e un Puffy (equivalente al penny inglese), e francobolli per uso locale. Questo causò la sua incriminazione in base Coinage Act del Regno Unito del 1870. La House of Lords lo dichiarò colpevole nel 1931, e fu multato per 5 pounds più le spese di 15 ghinee. Le monete sono state ritirate diventando oggetti da collezione e furono ristampate nel 1965 per commemorare i 40 anni dall’acquisto dell’isola.
Moneta da 1 Puffy del Regno di Lundy (1929)

Moneta da 1 Puffy del Regno di Lundy (1929)

Francobolli commemorativi da mezzo, 1 e 2 Puffin del Regno di Lundy (1954)

Francobolli commemorativi da mezzo, 1 e 2 Puffin del Regno di Lundy (1954)


Quando la prima armata motorizzata polacca si insediò in Scozia nel 1940, molti nelle truppe appena arrivate avevano difficoltà a farsi capire, a causa della grande differenza fra il polacco e lo scozzese. Tuttavia si capì presto che potevano adeguatamente comunicare con le donne locali in quella che venne meglio descritta come “lingua degli uccelli” . Il Generale Sikorsky si rese subito conto di quale inestimabile mezzo questa lingua rappresentasse, e decise di utilizzarla in un piano segretissimo in cui le truppe polacche erano amalgamate al Reggimento dei Puffin (uccelli tipici della Scozia) per creare una forza combattente altamente efficiente a Lundy. Gli 800 soldati polacchi furono selezionati in base alla loro capacità di capire il “puffinese”, un linguaggio degli uccelli molto simile all’esperanto o al gobbledigook. Insieme a 320 puffin speciali fecero un eccellente servizio per tutta la guerra, e i puffin si lanciavano a bomba spianando la strada ai carri polacchi. Diverse medaglie “Lundy crosses” furono conferite sul campo per l’estremo coraggio dimostrato, alcune ai polacchi ed altre (per errore) ai tedeschi. La sfortunata morte del generale Sikorsky a Gibilterra il 4 luglio del 1943 gli impedì di vedere il successo finale della sua creatura. Una serie di sei francobolli venne emessa dalle forze alleate il 2 luglio 1941 e gli attraenti disegni furono poi utilizzati dal governo polacco in esilio a Londra.
Francobolli polacchi dell'Isola di Lundy (1940)

Francobolli polacchi dell’Isola di Lundy (1940)


Martin Coles Harman morì nel 1954 lasciando l’isola in eredità al figlio. Dopo la morte del figlio John Pennington Harman nel 1968, l’isola di Lundy è stata messa in vendita.
Jack Hayward, un miliardario britannico, che l’acquistò per 150.000 pounds, consegnandola al National Trust, che a sua volta la affittò al Landmark Trust, che da allora la gestisce.
L’isola è visitata da oltre 20.000 escursionisti l’anno, anche se nel settembre 2007 ha dovuto essere chiusa per diverse settimane a causa di un’epidemia di Norovirus.
A partire dal 2007, nell’isola vive una popolazione residente di 28 persone, volontari compresi. I residenti non pagano le tasse nel Regno Unito e devono passare la dogana.
Tony Langham ha individuato tre bandiere progettate e utilizzate da Harman nel corso degli anni, disegnate da André Coutanche.
Regno di Lundy

Regno di Lundy

Rileggi dalla Parte I.
Vai alla Parte VIII.