Centrafrica, 400 morti a Bangui: tutti ne parlano!


Almeno 400 i morti in tre giorni nella capitale della Repubblica Centrafricana Bangui, secondo la Croce Rossa locale, a causa delle violenze tra ribelli musulmani Selekà e cristiani.
Le violenze, a rischio genocidio, sono scoppiate dopo il rovesciamento da parte dei miliziani della Séléka, nel marzo scorso, del presidente François Bozizé.
Drammatica la condizione dei rifugiati nelle chiese. “Il problema umanitario si traduce in un problema sanitario perché non abbiamo le infrastrutture necessarie, non ci sono servizi igienici. Poi ci sono problemi di salute e non abbiamo medicine.”
Oggi sono stati festosamente accolti i primi rinforzi militari francesi. “Grazie Francia:” così la folla ha salutato l’arrivo dell’esercito che ha attraversato la frontiera a ovest del Paese, nella località di Cantonnier.
I media stanno bombardando l’Europa di queste stragi, in tv non si vede altro, i tg aprono tutti con questa notizia… no, per ora non è così. Del resto 400 è un numero che non spaventa se applicato agli africani, ce ne vorrebbero 4000, come nelle Filippine, per smuovere un minimo l’informazione, ma per arrivare ai Tg nazionali d’Europa il numero ottimale sarebbe 10000, allora sì che sarebbe interessante…