• FAN su Facebook

  • Seguici su Twitter

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Unisciti ad altri 777 follower

  • Archivi

  • Nazione Oscura Caotica

    Afghanistan Africa al qaeda ambasciata Arabia Saudita arte attentati attentato Barack Obama Bashar al Assad Belgio boko haram Brasile Cina Corea del Nord Corea del Sud Coronavirus Covid-19 curdi Donald Trump Egitto elezioni europa fantascienza flush.art francia francobolli gazzetta ufficiale di trantor Germania giappone Grecia guerra guerra civile Guerra fredda Happy new eon India indipendenza Iran Iraq IS Isis Israele italia jihad Kim Jong Un kipple officina libraria krell libia Livorno Lukha B. Kremo mail4freedom Mail4Freedom Begins mail art micronazione micronazioni Milano morti Mosca musica nato nazione oscura caotica neorepubblica di torriglia Nicolás Maduro nigeria odrz onu Pakistan Palestina papa primavera araba proteste Pyongyang Recep Tayyip Erdogan referendum Regno Unito rivolte Russia sandro battisti Siria Spagna Stati Uniti strage talebani terrorismo terrorismo islamico torriglia tracce sonore Turchia Ucraina Ue Ungheria Unione Europea Usa VAticano Venezuela vittore baroni Vladimir Putin Washington WhereIsKremo Yemen
  • Avviso

    Controvoglia, siamo obbligati a seguire le illuminanti decisioni fatte in data 8 maggio 2014 dal garante per la protezione dei dati personali, per cui si avvisano gli sprovveduti lettori che questo sito si serve di cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto se malauguratamente proseguite con la navigazione siete avvisati: prestate automaticamente il consenso all’uso dei cookie anomimi. Qui potete trovare la gestione della privacy e dei cookie da parte di Automattic (la società che gestisce la piattaforma WordPress.com): Privacy Policy. Ma voi non vi fideretete del tutto, quindi vorrete leggervi la fantastica pagina con l'Informativa Estesa. A quel punto siete ancora in tempo: chiudete tutto e disdicete internet, perché evitare cookie anonimi come questi è praticamente impossibile e quindi questo avviso completamente inutile.

TRACCE SONORE: The Alan Parsons Project – Eve


The Alan Parsons Project – Eve

Eve - The Alan Parsons Project

Eve – The Alan Parsons Project

Abbiamo passato in rassegna i dischi degli Alan Parsons Project che avevano come tema la fantascienza o la narrativa horror. Terminiamo questa rassegna con Eve, non perché affronti un tema simile (infatti riguarda il mondo femminile), ma perché ci sembra un altro tra gli album meritevoli.
Si parte infatti con uno dei mitici intro dei Parsons, Lucifer, quasi all’altezza di Sirius, che ci cala nel loro mondo, con il codice morse che scandisce E-V-E.
Il concept si mostra in tutto il suo mistero: in copertina ci sono due donne vestite a lutto (e una sul retro del disco), che sarebbero belle, ma a chi le guardale danno fastidio quelli che sembrano fastidiosi sulla pelle (ma fanno parte della retina del copricapo), poi: l’intro si chiama Lucifer, Eve ha la stessa radice di Evil, e via dicendo. Diciamo che è un disco di come l’uomo teme l’aspetto più misterioso della donna, come conferma il testo del secondo brano You Lie Down With Dogs, “Sei una donna stupida, ma ti amo”, “Ti corichi con dei cani, alzandoti con le pulci. Smonta e trovati un altro amante” e del terzo brano (ancora una donna dall’animo corrotto), che però si segnala per un classico giro dei Parsons, riconoscibile e godibile. Si passa alla ballata d’amore You Won’t Be There e si parla di passione nel brano che chiude il primo lato Winding Me up, che comincia con una bella grattugiata di qualcosa e un richiamo vivaldesco, elementi sorprendenti di una canzone che lo è decisamente meno.
Il lato B si apre con una delle canzoni celebri dei Parson, Damned I If Do, con il classico sound e riff ‘parsoniani’. Seguono due brani cantati da una donna (separati dalla strumentale Secret Garden), che finalmente diventa parte attiva, con la voce, prima di Clare Torry, e poi di Lesley Duncan, che chiude con il lento If I Could Change Your Mind. Entrambi i brani assumono le speranze e i rimorsi della donna sull’amore, dando spazio alle tipiche reazioni femminili davanti all’incompresione della coppia, come del resto lo erano state quelle maschili nel lato A.
Un disco discreto, che si può ancora ascoltare, secondo me, saltando le parti più noiose, godendosi giusto quel quarto d’ora che rimane senza ascoltare troppo convinti, non me ne voglia nessuno, quelle dinamiche semplificate e stereotipate che riguardano il mondo della donna e dell’uomo che guarda la donna.

TRACCE SONORE: The Alan Parsons Project – Tales of Mystery and Imagination


The Alan Parsons Project – Tales of Mystery and Imagination

Primo album degli Alan Parsons Project, del 1976, e subito si parte con un manifesto programmatico, Racconti del Mistero e dell’Immaginazione (antologia di Edgar Alan Poe),
tutte le tracce, infatti, hanno titoli dei racconti dello scrittore.
Si notano già i primi tentativi grezzi di ciò che saranno poi i loro punti forti. Il concept, l’intro strumentale, il mix delle influenze e la cura di suoni, l’uso di elettronica.
L’impressione, dopo tanti anni, è che il disco suoni molto più psichedelico e progressive dei successivi, rivelando le origini profonde del sound dei Parsons più maturi.
Naturalmente sono presenti già tutte le componenti che li hanno resi celebri, elettronica compresa (anche se al momento secondaria e banale).
Il lato A si chiude con The System of Doctor Tarr and Professor Fether, che anticipa i ritmi e il cantato dei Parson più noti, anche se ancora si potrebbero avvicinare tranquillamente ai Supertramp.
Nel lato B, invece c’è un brano diviso in 5 parti: la prima parte suona come una sonfonia misteriosa, nella seconda si utilizzano il suono dell’organo da chiesa fuso a tastiere elettroniche, nella terza siamo ormai nella più “profonda” colonna sonora psichedelica, per giungere a un accenno di melodia più classicamente intesa solo nella quarta parte per abbandonarla subito per un vertiginoso viaggio psichedelico nell’ultima parte.
Il disco si chiude con la bella To One in Paradise, che fa tornare l’ascoltatore sulla quotidianità “terrena”, ma senza togliergli l’inquetudine di cui Edgar Allan Poe era maestro.
Un disco complesso, molto buono per essere il debutto, più forte forse nelle parti psichedeliche, ma con i suoni ancora troppo ancorati agli anni 70 e che non “suonano” ancora come quelli dei Parson del decennio successivo.
Una nota: Wikipedia dice che i componenti del Project sono, compresi fotografi, grafici e ingegneri, 42, e senza fotografi, grafici e ingegneri (cioè solo musicisti) 31!

TRACCE SONORE: The Alan Parsons Project – Eye in the Sky


The Alan Parsons Project – Eye in The sky

Eye In The Sky - The Alan PArson Project

Eye In The Sky – The Alan PArson Project

Il vantaggio di recensire album di 30 anni fa è enorme. Certo, è facile registrare delle differenze anche notevoli tra la critica dell’epoca e cosa rimane oggi.
Volendo recensire dischi che affrontano la fantascienza, avevo promesso di parlare di questo Eye in the Sky, ottimo romanzo di Philip K. Dick, caratterizzato (il romanzo) da un’atmosfera paranoica e la presenza di pseudo-mondi.
In effetti le liriche del disco (questa volta sì, un concept album, vedi recensione di I, Robot) riguardano tematiche stellari (Sirio, Gemini) e l’etica del controllo – si cita l’Occhio nel cielo di Philip Dick, il Grande Fratello di George Orwell e l’occhio di Ra, rappresentazione della superiore soggezione infusa nella simbologia egizia.
La critica contemporanea lo bollò come disco freddo, di maniera, riuscito solo perché Woolfson e Parsons sarebbero stati abili nell’usare costose macchine elettroniche. Per quanto si possa dire che il suono non è sicuramente caldo come quello del blues, oggi è facile capire che il loro intento era tutt’altro che virtuosistico, seppur nella maniacale cura dei dettagli. L’album è tutto teso a calare l’ascoltatore nell’atmosfera d’inquietudine e paranoia, utilizzando varie influenze (rock, elettronica, pop) in un mix dove non prevale nient’altro che un sound riconoscibile (quello dei Parsons, appunto). Il disco si apre con Sirius, uno degli intro più riusciti nella storia della musica, vera chiave di lettura del disco. Si passa subito alla title track, ormai diventato un classico del genere. Forse un po’ patinato, ma sicuramente che ha il merito di essere la ballata che meglio rappresenta il sound dei Parsons.
Dopo un paio di brani che hanno la forza soprattutto nei testi, il primo lato si chiude con Silence and I che racchiude in sé vari stili dei Parsons, dalla ballata rock, all’elettronica, alla sinfonia da colonna sonora, al ritmo pop. Nel secondo lato ci sono Psychobubble, altro celebre brano, che riesce a tratti a ricordarci il clima di paranoia e mistero (sentire la sirena del bridge), poi Mammagamma (il nome è ispirato ad Ummagamma dei Pink Floyd), brano-manifesto dell’attitudine più elettronica dei Parsons, celeberrimo e, se non avanti sui tempi, probabilmente fautore di una maggiore fusione tra pop ed elettronica che non sia semplicemente una dance o una “canzone robotica”. Si finisce con Old And Wise, celebre ballata struggente. Tirando le somme, chiunque segua un po’ di musica sa riconoscere al volo almeno quattro brani di questo album, che per quanto possa a qualcuno risultare troppo freddo, pulito o patinato, deve considerarsi probabilmente il migliore degli album dei Parsons.

TRACCE SONORE: The Alan Parsons Project – I Robot


I Robot - The Alan Parsons Project

I Robot – The Alan Parsons Project

The Alan Parsons Project – I Robot

L’ascolto di questo disco mi permette di fare alcune osservazioni.
Innanzitutto che i concept album sono sempre più rari, e questo è un peccato, ma naturalmente rispecchia la cultura contemporanea. Il fatto che si facciano pochi concept potrebbe essere la conferma della tendenza della perdita di valori forti, esistenziali, politici e di coesioni sociali che hanno caratterizzato gli anni almeno fino ai 90 e la conseguente frammentazione sociale (e la parziale riorganizzazione di internet). Non è questa la sede giusta per parlare di questo, ma sicuramente i concept album si fanno di meno perché vendono di meno, e quindi la gente preferisce ascoltare episodi singoli, frammenti con testi che spaziano da un tema all’altro, proprio come i link degli ipertesti.
Detto questo, a dire il vero, I Robot non è un concept album (o non è riuscito bene). Qual è infatti il concetto che lega assieme i brani? Il mondo dei robot di Asimov compare solo nella title track, il resto è una serie di generici riferimenti al cosmo o addirittura alla Genesi. I robot di Asimov abitavano altri pianeti, ma anche la Terra, ma sopratutto la questione principale era l’etica dei robot: cioè sono vivi, senzienti? che diritti hanno? come si devono comportare nei confronti degli uomini? da cui nascono le famose Tre Leggi della Robotica di Asimov. Invece no. Alan associa i Robot al cosmo, mette insieme argomenti diversi che fanno parte del mondo fantascientifico: secondo me “la fantascienza” come tema di concept album, è un argomento troppo vago, e lo conferma il fatto che The Alan Parsons Project qualche anno dopo incidono l’album The Eye In The Sky, titolo tratto dallo scrittore di fantascienza Philip K. Dick (che recensiremo più avanti).
Il sound del gruppo è invecchiato e suona un po’ noioso, e non è un’ovvietà, pensando a come sono invecchiati bene Pink Floyd e Supertramp, per esempio. Gli Alan Parsons hanno un suono di tastiera inconfondibile, è vero, ma è sempre quello (quello diventato famoso in The Eye In The Sky, per intenderci), ma nella title track I Robot si ripete, e il resto è un miscuglio di rock progressivo, suggestioni new age e qualche influenza diversa (che salva il disco).
In effetti, dopo la suite di I Robot, ci si perde in tre brani dimenticabilissimi, patinati e noiosi, intrisi di testi new age o pseudo tali. Si salva la ballata Don’t Let It Show, un bel singolo, che sicuramente non c’entra nulla con i robot, ma è perfetto da ascoltare con la fidanzata sul lungolago.
Nel lato B si lascia un po’ l’ombra della new age per lasciarsi andare a un po’ di sperimentazione. E l’album si salva in corner proprio grazie a The Voice, dal lunghissimo bridge disco-funky, ma soprattutto da Total Eclipse, un tappeto sonoro da viaggio spiritual-interstellare con cori e linee di basso inquietanti che, grazie ai fiati (veri o presunti) fa sfociare il brano in una specie di componimento di musica colta contemporanea.
La versione rimasterizzata contiene le versioni fuse e rimontate dei brani più riusciti. Il risultato è il classico album che si ascolta saltando da una parte all’altra per evitare il peggio.
The Alan Parsons Project hanno spaccato il botteghino a cavallo tra gli anni 70 e 80, ma per capire meglio se la loro fosse musica interessante dalle tematiche profonde (questo lo dico non perché si pretenda da tutti, ma sicuramente da un gruppo che fa quasi esclusivamente concept album), oppure una boutade di stampo new age, è necessario ascoltare altri dischi. E lo farò in seguito.

Lukha B. Kremo