Anche in Polonia venti di discriminazione nazionalista


La Commissione Europea ha deciso di avviare una «valutazione preliminare» sullo stato di diritto in Polonia, dopo il varo, da parte del governo di Varsavia, delle riforme del Tribunale costituzionale e del sistema dei media. Lo ha annunciato, al termine del collegio dei commissari, il vicepresidente dell’esecutivo Ue Frans Timmermans.