Libano, crisi energetica e un giorno di guerra civile



Il collasso totale del sistema elettrico nazionale, con il black-out totale è solo l’esito di una crisi che dura ormai da due anni. La rete elettrica è completamente ferma perché i due principali impianti, Al-Zahrani e Deir Ammar, hanno esaurito le riserve. Ma l’ultima puntata della discesa verso gli inferi del Libano è avvenuta oggi, quando si sono viste scene di guerra a Beirut: spari durante una manifestazione con morti e feriti. Centinaia di manifestanti del movimento sciita Amal, guidato dal presidente del parlamento Nabih Berri, si sono dati appuntamento questa mattina alla rotonda Tayyoune, nella parte sud della città, per dirigersi verso il palazzo di giustizia, per protestare contro il giudice Tarek Bitar, che indaga sull’esplosione al porto dell’agosto 2020, cristiano, accusato dagli sciiti di interferenza politica. Dei cecchini hanno cominciato a sparare da un edificio ed è cominciata la guerriglia tra cristiani e sciiti. L’esercito è intervenuto per cordonare l’area e schierarsi nei quartieri e negli ingressi.

Lascia un commento

1 Commento

  1. mi pare una crisi politica prima di tutto, con qualcuno che prende in mano la situazione e istericamente fa accuse agli avversari. mi ricorda qualcosa…

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: